Roberta De Noia e la sua Tecnologia Alimentare…

Roberta De Noia ha iniziato a lavorare nel mondo della ristorazione nel 2006. Ha lavorato come responsabile di unità per una grande azienda di ristorazione collettiva. Roberta De Noia ha gestito il servizio di ristorazione all’interno di aziende, ospedali e per un breve periodo ha gestito il servizio anche all’interno del carcere minorile Beccaria di Milano. Nel 2009, Roberta De Noia si è iscritta all’albo dei tecnologi alimentari e dal 2010 ha esercito la libera professione.

“Grazie al lavoro in proprio ho scoperto quanto è bello lavorare in autonomia e non tornerei più indietro al lavoro dipendente. Proprio grazie al coraggio di lasciare andare un “posto fisso” oggi vivo in una terra meravigliosa. Ogni tanto torno dove sono cresciuta, a Milano, per motivi di lavoro o di aggiornamento professionale. E’ un ritorno pieno di gioia e di gratitudine per tutto quello che la mia città mi ha donato nei quasi 30 anni in cui ci ho abitato. Vivere nel Salento però, ha cambiato in meglio la mia vita.”

Abbiamo intervistato Roberta De Noia per capire di più la sua professione.

S: Benvenuta Roberta De Noia sul mio blog Quel gran Pezz di Cucina.
R: Grazie Chef Simone. E’ un piacere e un onore.
S: Roberta si racconti in tre parole?
R: Mi racconto in tre parole: determinata, coraggiosa, autentica
S: ci racconti cosa fa nella sua vita professionale?
R: Nella mia vita professionale aiuto le aziende del settore alimentare a mettersi in regola con le norme di igiene e sicurezza alimentare. Lavoro anche per Pubbliche Amministrazioni nel controllo del servizio di refezione scolastica. Faccio anche formazione in azienda e gestisco una mia piattaforma e-learning.
S: Quanto è importante la figura della Tecnologa alimentare?
R: Non vale, sono di parte. A parte gli scherzi, per un operatore del settore alimentare avere accanto un tecnico esperto gli permette di produrre alimenti in sicurezza, nel rispetto delle norme. Inoltre il tecnico interviene solitamente anche nelle relazioni con le autorità competenti, dando un prezioso supporto, oltre ad un’importante mediazione.
S: Che cos’è la tecnologa alimentare?
R: Direi che la definizione di wikipedia va benissimo 🙂
“Il tecnologo alimentare (TA) è lo specialista moderno che possiede competenze multidisciplinari e distintive in campo scientifico, tecnologico, gestionale e legislativo per analizzare il sistema complesso della filiera alimentare (produzione, trasformazione, distribuzione, ristorazione, ospitalità) e per gestire la qualità, la sicurezza e la sostenibilità dei processi e dei prodotti dal “campo alla tavola”, a beneficio dei consumatori, delle imprese, delle istituzioni”.
S: Quanto è importante l’haccp in cucina?
R: Direi che è essenziale proprio per l’approccio preventivo della metodologia haccp nei confronti dei problemi di natura igienico-sanitaria
S: Come si vede Roberta tra qui a 5 anni?
R: Mi continuo a vedere come consulente e formatore per aziende alimentari, ma anche divulgatrice di temi legati all’alimentazione e al consumo consapevole.
S: Novità in futuro ?
R: Nei prossimi mesi uscirà un mio libro che parla di sicurezza alimentare!
S: consiglia alle nuove generazioni di fare il suo lavoro?
R: Sì, certo! Spiegherei anche che quando sono uscita dall’università non sapevo nulla di operativo. Ho dovuto imparare tutto sul campo. Quindi da neolaureati ci vuole l’umiltà di partire da zero, anche con una laurea o un master.
S: Grazie a Roberta De Noia per questa bellissima intervista, oggi possiamo dire che sappiamo qualcosa in più su questa professione. Aspetteremo con ansia l’uscita del suo nuovo libro e saremo lieti di fare un altra intervista per la presentazione ufficiale del suo Libro sulla sicurezza alimentare.
R: Grazie a te Simone.

Precedente Francesco Salinitro, quando il Barman è un'Arte.... Successivo Ultima Idea di Vincenzo Cimino: Impastatrice a spirale a testa fissa 3000

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.