Pani cà Meusa Porta Carbone: quando lo street food diventa Eccellenza

Il mio viaggio in giro per l’Italia continua e questa volta tocca Palermo. Ospite dell’Amico Chef Gioacchino Di Franco abbiamo iniziato a vedere lo Street Food Palermitano in giro per la città. Amante da sempre del quinto quarto avevo il desiderio di mangiare un ottimo e gustoso panino con la milza (pani cà Meusa) e insieme a Gioacchino Di Franco, Danilo Benigno e Gianluca Bologna ci troviamo a Palermo e loro tutti e tre Palermitani D.O.C esaudiscono il mio desiderio portandomi a Porta Carbone dicendo che qui c’è il migliore Pani Cà Meusa di tutta Palermo.

Arrivati in Via Cala 62 in zona Porto troviamo il locale, semplice , pulito e con invitanti profumi. I Ragazzi ci raccontano che tutto inizia nel 1943, in una bancarella al vecchio porto della Cala di Palermo, dove per sfamare gli operai, alle quattro del mattino si cominciava a cunzare (condire) panini. Oggi siamo alla terza generazione. Il tempio palermitano del pani ca’ meusa, all’insegna di semplicità, poche parole, gesti rapidi e sapienti. Il pane con la milza e polmoni può essere servito semplice, “schiettu”, con una spruzzata di limone, oppure “maritatu”, con caciocavallo o ricotta. Il preparato viene soffritto in strutto di maiale e usato per farcire la guastella, una soffice focaccia al sesamo, o la mezza mafalda.

Finalmente il mio desiderio si Avvera e dopo aver ascoltato e visto in diretta la preparazione del famoso panino lo possiamo assaggiare.

pani ca meusa 4

Veramente il miglior panino dello street food palermitano che ho mai assaggiato. La Passione e la dedizione al lavoro dei Ragazzi di Porta Carbone rendono ancor piuù speciale il loro panino, che con dei prodotti “Poveri” hanno dei risultati davvero eccellenti.

pani ca meusa

Consiglio a tutti di andare a magiare Pani cà Meusa a Porta Carbone a Palermo perchè è davvero straordinario e super gustoso.
Spero di tornarci presto per assaggiare un altro panino!!!

pani ca meusa 3

pani ca meusa 2

Precedente Albicocca Street di Girolamo Orlando Successivo Penne integrali con puntarelle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.