Paella di Alessandro Leonardi

paella

Questo gustosissimo piatto è una specialità regionale valenciana, la quale ha letteralmente rubato il suo nome dal recipiente “paella” (dal latino patella, da cui anche l’italiano padella) nella quale veniva cotta. Si trattava di una padella larga e poco profonda in ferro, munita di due impugnature, che veniva utilizzata per cucinare vari piatti a base di riso o fedelini, cioè spaghetti. La profondità di questo utensile è di circa cinque-sei centimetri, mentre il diametro si diversifica in base alla quantità ed al numero dei commensali. Certamente sarebbe riduttivo parlare di questo piatto come unico rappresentante della vasta cultura culinaria spagnola. Aprendo una piccola parentesi storica, la paella nacque come piatto umile della cucina popolare della campagna della Comunità Valenciana, quest’ultima ricca di riso, pesce per la presenza del lago Albufera, conigli, polli, e delle cambuse dei pescherecci. Veniva preparato dalle sapienti mani delle massaie con ciò che si aveva a disposizione a casa. Solo alla fine del XIX secolo cominciò ad essere cucinato e servito nei chioschi delle spiagge di Valencia e Alicantee, per poi diffondersi in tutta la Spagna.Assicurati di avere a portata di mano:

Riso Arborio 600 g
petto di pollo tagliato a pezzetti 300 g
lonza di maiale tagliata a cubetti 300 g
salsicce sbriciolate 2
calamari 2
piselli 200 g
fagiolini 100 g
cozze 20
vongole 20
scampi 10
gamberi 10
peperone rosso 1
peperone giallo 1
cipolla 1
zucchina 1
pomodori 2
paprika
limone 1
glio 1 spicchio
olio extravergine di oliva 4 cucchiai
vino bianco bicchiere 1
zafferano bustine 2
brodo 1 litro circa
sale
pepe

Procedimento:
lavare tutte le verdure. Iniziamo a tagliarele. In una padella di 35 cm alta 6 cm mettiamo l’olio extravergine di oliva e facciamo rosolare la carne e il pesce tagliato a cubetti, rosolare bene, aggiungere le verdure tagliate, unire le spezie e lasciate cuocere per 5 minuti. Trascorsi 5 minuti aggiungere il riso e il doppio della quantitò di brodo e continuare la cottura per 16 minuti. Quando il riso sarà cotto e asciutto mantecate con l’olio extravergine di oliva e servite ben caldo.

image

Precedente Torta di Riso di Gabriella Successivo Burger di miglio con carote e porri accompagnato da chips di patata viola gialla e rossa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.