Cantina Rapillo, Amore per la propria Terra nella Strada del Cesanese.

L’azienda agricola Rapillo si trova nel comune di Serrone (Frosinone). Accompagnati da Stefano Bartolucci insieme a Michele Sardano e Miryam Gravina finalmente arriviamo da Antonella Volpe titolare dell’azienda. Ereditata nel 2000, hanno iniziato con 2 etteri e mezzo di vigneto autoctonono e il primo imbottigliamento risale nel 2001, ci racconta Antonella. Con grande Amore e impegno Antonella con l’aiuto del marito ogni anno nonostante condizioni meteorologiche poco favorevoli e duro lavoro nel 2007 hanno iniziato a imbottigliare il Cesanese del Piglio e nel 2010 è la volta della Passerina del Frusinate.

rapillo3

Accolti da un sole bellissimo e da una tavola piena di vino e assaggi di formaggi, salumi pane e porchetta di qualità superiore e di una bontà assoluta iniziamo a fare la visita alla cantina.

rapillo2

Abbiamo visto i luoghi della fase dello stoccaggio dove ci sono le botti in acciaio dove sono presenti i vini Cesanese e Passerina e delle botti in rovere dove avviene l’affinamento del vino.
Dopo i racconti e le numerose domande frutto della curiosità da parte di tutti noi, alla quale Antonella ha saputo rispondere in maniera egregia e soddisfacente iniziamo la fase degli assaggi.

rapillo 1

Iniziamo con la passerina del Frusinate “Le Silivi”. Questo vino nasce su una collina esposta completamente a sud e l’età del vigneto è di circa 35 anni. La vinificazione è stata operata nel pieno rispetto della peculiarità delle uve. Dopo la raccolta manuale, diraspa-pigiatura degli acini, macerazione pre-fermentativaa freddo per 2 giorni, pressatura soffice e fermentazione a 12 gradi. Fermentazione malolattica svolta in acciaio e affinamento sulle fecce fini per 6 mesi, si ottiene una Passerina con una gradazione alcolica di 13 %, un colore giallo pagliarino con riflessi dorati, dal gusto morbido, sapido e di giusta persistenza ed è un vino delicatamente fruttato con sentori di pesca bianca. Poi siamo passati ai rossi. Ecco la volta del Rapillo. Vino Rosso Cesanese di Olevano Romano Doc. Uva raccolta a mano, diraspa-pigiatura degli acini, macerazione sulle bucce per 15 giorni in riecipienti di acciaio inox con frequenti rimontaggi quotidiani. Vino ottenuto dalla fermentazione mallolattica in acciaio, maturazione in botte di rovere per 18-24 mesi e ulteriore affinamento in bottiglia per 6 mesi. Questo vino ha una gradazione alcolica del 13 %, ha un colore rosso intenso, ha un sentore di frutta rossa in confettura, con evidenti riconoscimenti di violetta, pepe nero, china e delicati toni di vaniglia. Ha un gusto che rispetta la perfetta rispondenza al palato con impatto caldo, morbido, giustamente sapido- Tannini setosi, bocca pulita, lungo e piacevole con un finale di ritorni di frutta.
Poi è la volta del Cesanese del Piglio “Sero Nero”. Uva raccolta a mano, diraspa-pigiatura degli acini, macerazione sulle bucce per 15 giorni in riecipienti di acciaio inox con frequenti rimontaggi quotidiani. Vino ottenuto dalla fermentazione mallolattica in acciaio, maturazione in botte di rovere per 18-24 mesi e ulteriore affinamento in bottiglia per 6 mesi. Gradazione alcoolica di 14,5% colore rosso intenso. Questo è un vino che al naso pulito e fragrante, emergono nitide sensazioni di prugna, amarena e altri frutti scuri di esuberanza tropicale. Alla bocca si fa apprezzare per la lineare semplicità nell’approccio, la precisione e la centralità del frutto, la presenza dei tannini saporiti, la buona reattività acida, la coerenza retro-olfattiva, la piacevole lunghezza e l’armonia d’insieme.
Infine abbiamo assaggiato il “Trasmondo”. Il Cesanese del Piglio per eccellenza che nasce con lo scopo di esaltare la tipicità del Cesanese. Il rispetto massimo delle uve, l’appassimento di una quaota parte di esse e la doppia fermentazione ha portato a quello che per noi è il concetto di Vino-Territorio ci racconta Antonella. Uva che viene raccolta a mano, diraspa-pigiatura degli acini, macerazione per 15 giorni. Fermentazione malolattica svolta in acciaio. _Nel mese di dicembre aggiunta del mosto da uva passita ed avvio della seconda fermentazione a 16 °C, fermentazione malolattica svolta. Elevazione in botte per 6 mesi. Un vino con una gradazione alcoolica 14 – 15 % dal tipico colore rosso dal riflesso violace. Un vino che libera sfumature floreali, note molto concentrate di frutti a bacca scura e toni speziati. Un gusto di base ampia e vellutata, di buon corpo, tannino morbido e sapido.

Ecco la breve ma intensa descrizione di questi fantastici 4 vini. Il tutto accompagnato da lunghe e piacevolissime chiacchierate e dal cibo buono.
Ringrazio di cuore Antonella per la sua splendida accoglienza e ospitalità che ci ha dato. Spero di rivederci presto e di collaborare insieme per un futuro migliore e per far qualcosa di bello e importante per questi splendidi vini.

rapillo 4

Ringrazio gli amici Michele Sardano e Miryam Gravina per avermi accompagnato in questa splendida Avventura e infine l’Amico Stefano Bartolucci che senza di Lui, senza il suo impegno, senza la sua volontà di far scoprire le cose belle del territorio, Noi oggi non eravamo qui…

L’azienda Rapillo la trovate qui:
Via Forese 54, Serrone (Fr)
www.vinirapillo.it/

rapillo 5

Precedente Crema di lattuga con gamberetti, mandorle salate, rapanelli e cannellini Successivo Risotto carciofi e asiago

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.