Oggi voglio condividere con voi la ricetta dei panigacci di farina di castagne. E’ una ricetta tipica della Lunigiana, la zona d’origine di noi due sorella. Qui si hanno moltissimi prodotti tipici locali, in particolare castagne e funghi. Quando è tempo di castagne si mangiamo mondine e balucci e poi, durante l’inverso, si ha la farina di castagne in tutti i modi possibili: panigacci, frittelle, soladella, torte, biscotti, pasta e via dicendo. Oggi è il momento in cui conoscerete anche voi la prelibatezza dei panigacci. Il nome vi suonerà sicuramente strano e vorrete sapere di cosa si tratta. Ebbene, si tratta di impasto abbstanza fluido di farina di castagne e latte tiepido che viene cotto fra due testi roventi di ferro. Si mangia caldo farcito di ricotta, stracchino, salsiccia e quello che più piace. Per i più golosi si può fare la versione dolce con ricotta e miele, ricotta e marmella e la Nutella!

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • farina di castagne
  • latte tiepido
  • bicarbonato

Per farcire:

  • ricotta
  • salsiccia
  • miele d’acacia
  • Nutella

Logicamente avete bisogno dei testi di ferro.

Procedimento:

  • Per preparare l’impasto dei panigacci di farina di castagne, mettete in una ciotola la farina di castagne e aggiungete mescolando il latte tiepido a filo. Dovrete ottenere una pastella soda ma molto morbida. Per farvi un’idea della consistenza ho messo una foto della pastella.
  • Scaldate bene i testi sul fuoco. Tagliate a metà una patata, infilzatela con una forchetta e passate nell’olio la parte tagliate. Ungete bene il lato del testo che verrà a contatto con l’impasto. Mettete un bel cucchiaio di impasto sul testo, schiacciate con l’altro testo e tenete ben premuto. Attenzione! Il testo è caldissimo, quindi aiutatevi un oggetto, per esempio noi usiamo il batticarne.
  • Girate il testo sotto sopra e fate cuocere dall’altro lato. Aprite e controllate la cottura del panigaccio. Se si dovesse attaccare, staccatelo con l’aiuto di un coltello.
  • Quando sono cotti servite i panicaggi di farina di castagne immediatamente e farcite con quello che più vi piace.
  • Andate avanti in questo modo fino a quando avrete finito la pastella. Sì, è un po’ noioso perché chi cuoce di panigacci praticamente non può mangiare, ma poi potetevi darvi il cambio con un’altra persona che ha già mangiato e assaporare anche voi questa meraviglia!

Ti è piaciuta la ricetta? Seguici anche su Facebook! Metti mi piace sulla colonna qui a destra. Se vuoi, puoi anche sottoscrivere la Newsletter. Se hai domande o vuoi lasciare un opinione, scrivi un commento in tutta libertà. Puoi anche salvare la ricetta in formato PDF o stamparla direttamente per averla subito a portata di mano :-)

 

Panigacci Panigacci 2 Panigacci 3 Panigacci 4 Panigacci 5

2 Commenti su Panigacci di farina di castagne

  1. Vedo che sei molto brava potremo scambiarci alcune ricette idee consigli ….
    Sono produttore e distributore di molti prodotti lunigianesi.
    A per i pani gracchi prova a farli senza latte ne bicabonato vedrai che differenza.

    • Grazie! Disponibilissima a tutte le collaborazioni! 🙂
      I panigacci li ho provati senza bicarbonato e li preferisco con perché senza rimangono più secchi. Al posto del latte dici di mettere l’acqua? Io ho comunque usato il latte scremato che è molto leggero.
      Agnese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.