curiosità sul caffè, un po di storia

curiosità sul caffè

foto tratta dal sito http://www.caffegraglia.it/

Al tempo dei Romani, non esisteva il caffè. Il caffè era ancora una pianta che cresceva allo stato selvatico in Etiopia.Le straordinarie proprietà del caffè verranno scoperte intorno al 400 d.c. da alcuni eremiti che ne apprezzavano le capacità di tenere svegli durante le lunghe veglie di preghiera. Ma sono molte altre le leggende nate attorno alla scoperta del caffè.

La diffusione del caffè avviene nel medioevo, ma è confinata al mondo islamico. In europa il caffè arriva intorno alla metà del 1600. Il caffè era una materia prima importata, molto pregiata. Il caffè più apprezzato era quello che veniva imbarcato dal porto di Mokha, sul Mar Rosso. Mokka (così si chiama adesso la città) è adesso una città dello Yemen, ma il nome “caffè di Moka” è giunto fino ad oggi.

Nel Romanzo di Voltaire, Candido, il protagonista viene invitato a bere il caffè preparato da “caffè di Mokha, non mescolato con il cattivo caffè di Batavia e delle Antille”. Si trovano riferimenti al nome di Mokha anche nel romanzo di avventura “il giro del mondo in 80 giorni” di Jules Verne.

Il nome Moka è diventato universale quando il piemontese Alfonso Bialetti nel 1933 ideò la celebre caffettiera che tutt’oggi contraddistingue la tradizione italiana del caffè nel mondo. Da allora sono state prodotte milioni di esemplari di questa macchina per il caffè.

La macchina da caffè dall’inconfondibile sagoma ottagonale è ospitata al museo d’arte di New York.

Una curiosità: l’icona famosissima dell’”omino coi baffi” che contraddistingue da anni il marchio della Moka Bialetti è una caricatura della fine degli anni 50 dell’allora proprietario, Renato Bialetti.

I commenti sono chiusi.