Caffè lungo in Europa.

caffè lungo

Se si chiede un caffè lungo al di fuori del Belpaese, non ci si deve aspettare la stessa bevanda che troviamo servita nei bar italiani. In Italia, un caffè lungo di qualità viene servito in tazzina. La dose di bevanda è di 70 cl normalmente, erogata dalla stessa macchinetta dell’espresso. Da non confondere con il caffè doppio: esso è una via di mezzo tra un espresso e un caffè lungo, in quanto sono due caffè espresso in un’unica tazzina (si arriva a 50cl di bevanda).

Nei paesi europei e negli USA si gusta il vero caffè lungo, ovvero preparato con un prodotto solubile, polvere di caffè da sciogliere in acqua calda, da mettere in un thermos o un bollitore. Ogni volta che si ha voglia, si può versarne una tazzina generosa e sorseggiarlo ancora caldo.

Ottenere un caffè di qualità, senza ricorrere ai prodotti solubili, non è difficile.

Basta comprare una macchinetta adatta per l’erogazione del vero caffè lungo. Si utilizza un filtro particolare di forma conica in cui si pone il caffè. Il resto funziona come il principio della moka: l’acqua posta nel bollitore di vetro temperato o di plastica, in maniera molto lenta assumerà il colore scuro tipico della bevanda e il suo sapore, anche se meno intenso di un caffè espresso. Il vero caffè lungo deve avere una colorazione dal giallognolo al marroncino tenue e il suo sapore aromatico. Di sicuro, un caffè erogato da un’apposita macchinetta sarà senza dubbio un caffè di qualità superiore rispetto ad acqua calda mescolata con caffè solubile. 

Il vero caffè lungo crea dipendenza come il caffè espresso, solo che un caffè lungo, almeno in Germania, viene usato come accompagnamento al pranzo o ai pasti in generale, ma la particolarità è che le caffetterie che offrono questo particolare servizio lo possono servire accompagnato con latte freddo a parte (come il nostro macchiato freddo), oppure con crema di latte.

Precedente Caffè decaffeinato: sai come viene fatto? Successivo Caffè turco: tradizione orientale