Cipollata salentina con friggitelli: deliziosa!

Regina indiscussa dell’estate (ma anche dell’inverno :D) …CIPOLLATA SALENTINA!!

Buona e versatile, si mangia come accompagnamento a bruschette, friselle, pizzelle…ma anche come farcitura di pitta di patate o focaccia. Insomma, la potete mangiare in qualsiasi modo!

In questa ricetta io ho usato dei pelati triturati, ma se la fate d’inverno allora è d’obbligo usare i pomodorini d’inverno (un classico del sud italia). Facile e gustosissima, è buona anche il giorno dopo.

Le dosi che vi lascio sono indicative, perchè se ne siete ghiotti potreste finirla anche in due 😛

Il tocco in più in questa versione è dato dall’aggiunta di pezzettini di peperone friggitello …fritti, appunto! La renderanno ancora più golosa!

Pronti? Cipollata salentina in arrivo!

cipollata salentina
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    1 ora
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Cipolle sponsale 200 g
  • Pelati triturati 500 g
  • Sale e Pepe q.b.
  • Peperoni friggitelli 1
  • Origano q.b.
  • Peperoncino (se gradite) 1
  • Olio di oliva q.b.

Preparazione

  1. Iniziate tagliando a tocchetti il friggitello.

    Tuffatelo in abbondante olio d’oliva e fatelo friggere per circa 5 minuti, finchè non sará un po’ bruciacchiato. Scolate e mettete da parte in un piattino.

  2. Prelevate un paio di cucchiai dell’olio del friggitello e versateli in una pentola dai bordi alti.

    Affettate finemente le cipolle sponsale e fatele soffriggere insieme all’olio per qualche minuto. Se volete dare un tocco piccante, fate soffriggere anche un peperoncino spezzato a metá.

    Se non trovate le cipolle sponsale, andranno bene anche dei porri/cipollotti o delle cipolle bianche; il gusto sará leggermente diverso ma comunque buonissimo!

     

  3. Aggiungete quindi i pelati triturati e aggiustate di sale e pepe.

    Farte cuocere a fiamma dolce per almeno un’ora. A fine cottura, aggiungeteci il friggitello precedentemente fritto e origano a piacere.

    Volendo, ci stanno bene anche dei capperini o delle olive nere.

  4. La vostra cipollata salentina è pronta! Potete gustarla calda, ma secondo me è ancora più buona tiepida se non addirittura fredda! Riuscirete ad assaporare meglio il tutto!

    Che dite, la provate? Fatemi sapere!

    Alla prossima ricetta!

    Dania

Note

Una versione leggermente diversa la trovate nella ricetta della pitta di patate salentina!

Precedente Genovese di Braciolette: primo e secondo insieme! Successivo Ragù di verdure in bianco, perfetto con pasta integrale

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.