Olive verdi schiacciate o ” pistati”

Le olive verdi schiacciate o ” pistati” , come si dice nel mio dialetto , si preparano in  questo periodo prima che maturino completamente. Devono essere di media grandezza e si schiacciano con una pietra o con un batticarne per togliere il nocciolo.E’ una ricetta antica che si tramanda da madre in figlia e che mi evoca tanti ricordi piacevoli .

Per la preparazione ci vuole un po’ di pazienza ma ne vale la pena ! Provatele !!

Olive schiacciate
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:Dipende dalla quantità delle olive minuti
  • Cottura:Nessuna cottura minuti
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • q.b. Olive verdi
  • q.b. Sale grosso
  • q.b. Aglio
  • q.b. Peperoncino
  • q.b. Infiorescenze di finocchio selvatico

Preparazione

  1. Mettete le olive su un piano di legno e  ad una ad una pestatele  e togliete il nocciolo senza rovinare la polpa.

    Mettetele mano a mano che le schiacciate   in un contenitore con acqua che va cambiata due volte al giorno almeno per tre giorni .Le olive devono essere sempre coperte d’acqua e magari anche con un coperchio .Io le tengo abbassate con un panno.

    Assaggiatele e quando non saranno più tanto amare mettetele a scolare e strizzatele bene .

    Tagliuzzate l’aglio, il peperoncino e unite tutto  alle olive

    Spolverate di sale grosso ,aggiungete i semi di finocchietto ,amalgamate  e mescolate spesso finché si insaporiranno.

    Ora sono pronte per essere consumate magari con un filo di olio extra vergine d’oliva e una buona fetta di pane casareccio .

    Sono come le ciliegie una tira l’altra finiranno in un attimo !!

    se ti piacciono le mie ricette seguimi sulla mia pagina FB

Consigli

Per denocciolare le olive usate i guanti perché le mani diventerebbero nere

Per strizzarle vi conviene utilizzare un torchietto o lo schiacciapatate

Per conservarle si mettono nel ” boccaccio ” o barattolo di vetro già condite o ” conzati” ,pigiandole bene ma molto bene e coperte di olio

Precedente Melanzane sott'olio conserva per l'inverno Successivo Penne integrali con pesce spada e pomodorini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.