La crema di castagne fatta in casa é una conserva deliziosa, grazie alla quale possiamo gustare questo meraviglioso frutto anche quando non é di stagione. Il procedimento da me descritto é adatto anche ai marroni, come quelli usati da me. Fare la conserva di castagne é molto facile, anche se il procedimento si articola in più fasi e la riuscita é assicurata. Con questa deliziosa crema potremo farcire, decorare e creare dolci golosi e profumati. Consiglio di utilizzare vasetti di piccole dimensioni, circa 200 grammi, perché in questo modo la crema aperta verà consumata in tempi più brevi.

Ingredienti per circa 1 kg e 200 di crema

1 kg di castagne o marroni

1 foglia di alloro

sale grosso q.b.

zucchero di canna

cannella in polvere

50 gr. di cacao

50 ml. di rum

300 ml. di acqua

vasetti e tappi da sterilizzare

1) Cominciamo col pelare le castagne, eliminando la buccia esterna.

2) Fatto ciò mettiamole in una capiente pentola coperte di acqua, con la foglia di alloro e 2 grammi di sale grosso. Facciamo cuocere le castagne fino a quando non potranno essere facilmente infilzate con una forchetta. Nel mio caso, avendo usato dei marroni, ci son voluti 45 minuti.

3) Scoliamo le castagne ed eliminiamo la pellicina che ancora le avvolge.

4) Dopo aver fatto questo pesiamo le castagne e calcoliamo il peso dello zucchero, che dovrà essere il 50% di quello delle castagne. Nel mio caso i marroni cotti e pelati pesavano 880 grammi e ho aggiunto, quindi, 440 gr. di zucchero di canna.

5) Passiamo le castagne cotte attraverso un passaverdure per almeno un paio di volte, fino a ridurle in purea.

6) Mettiamo la purea di castagne in una pentola, uniamo lo zucchero, il cacao in polvere setacciato, il rum, un pizzico di cannella e l’acqua.

7) Mescoliamo con una frusta d’acciaio e facciamo cuocere sul fornello piccolo a fiamma bassa per circa 20/25 minuti al massimo, mescolando molto spesso. Dovremo ottenere una crema fluida, facile da spalmare, ma non liquida né troppo dura.

8) Riempiamo i vasetti sterilizzati fino a due centimetri dall’orlo, picchiettiamo la base del vasetto su una superficie morbida con delicatezza, per far sì che si riempiano tutti gli spazi vuoti, chiudiamoli ermeticamente e capovolgiamoli per permettere la formazione del sottovuoto.

9) Lasciamoli raffreddare senza toccarli per una notte intera. La crema é pronta per essere gustata ed utilizzata. I vasetti aperti vanno conservati in frigo e consumati in tempi brevi.

Nel caso in cui non desideriate aggiungere alcool alla preparazione, sostituite il liquore con 50 ml. di acqua; in totale aggiungerete alla crema 350 ml. di acqua anziché 300, come previsto dalla ricetta.