ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE AL FORNO E SENZA GLUTINE

Avevo proprio voglia di fare un dolcetto per la festa del papà e in modo particolare mi stavo chiedendo se qualcuno avesse mai provato a fare le zeppole di San Giuseppe non solo cotte al forno, come avevo già fatto in passato, ma per di più senza glutine. Girovagando su Faebook ecco che ho trovato una risposta ai miei quesiti. Ho trovato questa ricetta di Angela Fujiko De Marco e così non ho esitato a trarne spunto e a sperimentarla subito 😉 Ho raddoppiato le dosi e ho variato alcune cose, anche per il poco tempo a disposizione…

Ingredienti (per circa 12 zeppole):

– 120 gr di farina di riso

– 60 gr di fecola di patate

– 200 ml di acqua

– 50 gr di burro

– 3 tuorli

– 2 uova intere

– una bustina di zucchero vanillinato

– una bustina di lievito per dolci

– un pizzico di sale

– una busta di preparato per crema pasticcera

– 300 ml di latte per la crema

– marmellata di cigliegie (voi potete usare in alternativa le amarene sciroppate)

– zucchero a velo per decorare

 

Preparazione:

In un pentolino mettere a bollire l’acqua con dentro il burro tagliato a pezzetti e il pizzico di sale. Spegnere il fornello appena bolle e aggiungervi la fecola di patate unita alla farina di riso, tutta in un colpo solo. Mescolare il composto velocemente con l’aiuto di un cucchiaio di legno, finchè non si rapprende omogeneamente. A questo punto, trasferire il tutto in una ciotola più grande e aggiungere i due tuorli, uno alla volta, e poi le tre uova, sempre una alla volta. Prima di aggiungere quella successiva, la precedente dev’essere perfettamente amalgamata al composto con l’aiuto delle fruste elettriche. Infine, aggiungere il lievito e lo zucchero vanillinato. Mescolare e versare l’impasto in una sac au poche.

Su una teglia rivestita con carta da forno formare con la sac au poche le zeppole, nella forma ovale o tonda, come preferite. Infornare a 220° in modalità ventilato per circa 10 minuti e poi continuare a 180° per almeno un quarto d’ora. L’importante è che siano leggermente imbrunite, ma cotte dentro.

Nel frattempo preparare la crema pasticcera ex novo o aiutandovi con un preparato. Io ho frullato il preparato con il latte, finchè la crema non fosse sufficientemente densa. Lasciar riposare in frigo.

Intanto, quando le zeppole saranno cotte, lasciarle raffreddare su una grata.

20140318_232716

Tagliarle poi a metà, come se fossero un panino da farcire. Guarnirne la metà con la crema pasticcera all’interno e poi chiuderle con l’altra metà. 20140319_000304

Farcire anche un po’ il buco centrale con la crema pasticcera e aggiungervi sulla cima uno-due cucchiaini di marmellata di ciliegia.

20140319_000515

Decorare con una spruzzatina di zucchero a velo e servire 😉

20140319_000632

Io ne ho fatte alcune per la colazione di papà e le altre le ho portate al lavoro ai miei 3 colleghi, che sono tutti papà. Siccome uno in particolare si diverte un mondo a fare scherzi, sta volta ha organizzato la valutazione delle zeppole ed ecco a voi il risultato:

20140319_180426

Con questa ricetta partecipo ai contest:

IMG_4004 (Copia) origNUOVA

finger .001

Be Sociable, Share!

About toldina