Crea sito

uova Archive

1

KRAPFEN o BOMBOLONI AL FARRO COTTI AL FORNO

Questa ricetta l’avevo provata ancora quando, ahimè, non avevo ancora scoperto la mia super intolleranza al farro 🙁

Anche se i dolci di Carnevale sono tutti belli “carichi” di calorie e prevedono la frittura, ho cercato di snellire questi Krapfen (come vengono chiamati qui in Alto Adige), provando la cottura in forno.

Ingredienti (per circa 17 Krapfen):

– 500 gr di farina di farro

– 1 uovo

– 100 gr di burro

– 200 ml di latte

– 25 gr di lievito di birra

– 60 gr di zucchero semolato

– una bustina di zucchero vanillinato

– qualche goccia di aroma alla vaniglia per dolci

– un pizzico di sale

– zucchero a velo

– marmellata di albicocche, crema di nocciole, crema pasticcera e chi più ne ha, più ne metta 😉

 

Preparazione:

Io ho fatto così: la sera prima ho messo in una grande ciotola la farina, l’uovo, gli zuccheri, il lievito di birra sbriciolato a mano, il pizzico di sale, l’aroma alla vaniglia, il burro ammorbito e a pezzetti e infine il latte leggermente riscaldato. All’inizio l’ho mescolato con un cucchiaio e poi l’ho impastato per bene a mano. L’ho lasciato lievitare in frigo tutta la notte ben coperto con della pellicola. La mattina l’ho tirato fuori dal frigo e l’ho lasciato lievitare al caldo nel forno spento per circa 6-7 ore.

Dopo di che, ho preso l’impasto un po’ alla volta e l’ho steso con il mattarello su un piano ben infarinato. Ho ricavato con uno stampino dei dischi di circa 5 cm di diametro che ho disposto su una teglia ricoperta di teglia da forno. Ho spennelato la metà dei dischi con del latte e li ho, quindi farciti con un cucchiaino di marmellata o di crema.

DSC09420

DSC09424

Ho chiuso i Krapfen con le altre metà, schiacciando bene i contorni. Ho lasciato lievitare a forno spento per altre 7-8 ore. Attenzione: disponeteli molto lontani (più di quanto abbia fatto io ;)) tra di loro perchè con molta sorpresa, lieviteranno un sacco 😉

DSC09425

Infine, li ho infornati e cotti a 200° per circa 15 minuti, finchè non imbruniscono leggermente.

DSC09426

DSC09429

Il tocco di zucchero a velo è fondamentale perchè la ricetta non prevede una grande quantità di zucchero, altrimenti saranno ancora più dietetici 😉

DSC09434

 

 

1

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE AL FORNO

Non servono cose magiche e straordinarie per far capire alle persone che gli vogliamo bene…a volte basta un piccolo gesto, come preparare con le proprie mani un dolcetto per il proprio papà….

Ingredienti (per circa 12 zeppole):

– 200 ml di acqua

– 100 gr di burro

– 130 gr farina

– 1 pizzico di sale

– 4 uova medie

– 1 cucchiaino di zucchero

– 1 bustina di preparato per crema pasticcera

– marmellata di ciliegie

– zucchero a velo

 

Preparazione:

In un pentolino capiente mettere l’acqua con il burro a pezzettini, lo zucchero e il pizzico di sale. Quando inizia a bollire, togliere il tutto dal fuoco e aggiungere la farina setacciata, mescolare bene e velocemente, così da non formare grumi. Rimettere il pentolino a fuoco basso e mescolare con un mestolo di legno. In poco tempo l’impasto diventerà morbido e si staccherà dalle pareti, andando a formare una palla. Continuare a mescolare finchè non si forma una patina bianca sul fondo del pentolino. Spegnere il fornello e lasciar raffreddare l’impasto.

Aggiungere, quindi, le uova, una alla volta, e mescolare sempre con il mestolo di legno. Aggiungere l’uovo successivo, solo quando quello precedente è stato completamente assorbito. Continuare a mescolare finchè l’impasto non colerà a nastro dal mestolo.

Prendere, dunque, un po’ di impasto e iniziare a disporlo a forma di zeppole, ovvero cerchi molto grandi, su una teglia coperta di carta da forno. Volendo ci si può aiutare con una sacca a poche, lasciando i cerchi ben distanziati tra loro.

Preriscaldare il forno a 200° in modalità mista “ventilato e statico” e cuocere le zeppole per circa 25-30 minuti. Nel frattempo preparare la crema pasticcera e lasciarla riposare in frigo fino al momento della farcitura.

Una volta cotte le zeppole (quando saranno ben gonfie e dorate), lasciarle raffreddare e tagliarle a metà in senso orizzontale. Farcire, quindi, la metà sottostante con uno strato di crema pasticcera e poi con la mrmellata di ciliegie (l’ideale sarebbe di amarene) o con crema di nocciole. Chiudere la zeppola e decorarla con un ricciolo di crema pasticcera e marmellata nel buco centrale. Cospargere di zucchero a velo e servire 🙂

purtroppo io avevo finito sia la crema pasticcera, che la marmellata, quindi il risultato finale è stato questo…

 

1

MUFFIN MIMOSA SENZA GLUTINE

Per la serata della festa delle donne non poteva mancare un altro esperimento culinario e per di più gluten free. Non contenta di sperimentarli per la prima volta, ho trovato un preparato polveroso che con l’aggiunta di acqua va a sostituire le uova, siccome non posso mangiare gli albumi perchè sono loro intollerante. Sulla confezione c’è scritto proprio “Eier-ersatz”, che significa proprio sostituto delle uova. La consistenza che lascia al dolce però è abbastanza gommosa. Vediamo nelle prossime ricette che effeto farà 😉 Intanto vi lascio la ricetta dei muffin mimosici, che è nata prendendo spunto da quella presente su giallo zafferano fatta con farina di frumento 😉

Ingredienti (per 10 muffin):

– 50 gr di farina di riso

– 50 gr di amido di mais

– 50 gr di fecola di patate

– 120 gr di zucchero

– una bustina di zucchero vanillinato

– 5 uova (io ho usato 50 gr di sostituto per uova unito a 200 ml di acqua)

– aroma alla vaniglia

Per la crema diplomatica:

– 250 ml di latte

– 25 gr di farina di riso

– 3 tuorli

– 80 gr di zucchero

– aroma al limone

– 250 ml di panna liquida da montare

– una bustina di Pannafix della Cammeo

 

Preparazione:

Per prima cosa bisogna preprare l’impasto dei muffin,  sbattendo in un’ampia ciotola i tuorli con metà dello zucchero semolato unito a quello vanillinato (io ho sbattutto il sostituto dell’uovo con l’acqua e poi ho aggiunto tutto lo zucchero), finchè non si ottiene un composto spumoso. A parte montare gli albumi a neve aggiungendovi il restante zucchero. Unire, quindi, gli albumi ai tuorli e mescoalre sempre dall’alto verso il basso. Aggiungervi poi la farina di riso, l’amido di mais e la fecola di patate setacciate assieme. Mescolare bene facendo attenzione che non si smonti il tutto. Aggiungervi qualche goccia di aroma alla vaniglia.Versare il composto in 12 stampini per muffin e cuocere in forno in modalità ventilato a 180° per circa 20-25 minuti.

DSC01216

DSC01221

Una volta cotti, lasciarli raffreddare sulla spianatoia. Dopo di che, privare della mollica l’interno di 10 muffin e tagliarla in tanti dadini di circa 1 cm di lato. La stessa cosa va fatta con due muffin interi, che verranno così “sacrificati” per la guarnizione.

DSC01222

DSC01223

Durante la cottura si può invece preparare la crema diplomatica, che altro non è che la crema pasticcera unita alla panna montata, insomma, un vero toccasana. Per prima cosa, in un’ampia ciotola montare i tuorli con lo zucchero con l’aiuto delle fruste e aggiungervi un po alla volta tutto il latte. Continuare a sbattere con le fruste, finchè la crema non inizierà ad amalgamarsi sempre di più, anche con l’aggiunta della farina di riso. Aromatizzare se volete con alcune gocce di aroma al limone. Io non ho utilizzato i classici passaggi per fare la crema pasticcera, ma ho visto che il risultato non è stato poi così male 😉 Lasciar riposare la crema in frigo.

Nel frattempo montare la panna con l’aiuto di una bustina di Pannafix e unirla piano piano alla crema pasticcera, mescolando sempre dal basso verso l’alto, ottenendo così la crema diplomatica.

DSC01224

Con l’aiuto di una sac au poche o di un cucchiaino farcire con la crema l’interno e la superficie superiore dei 10 muffin scavati e poi decorarli con i cubetti di impasto ricavati in precedenza, creando così l’effetto mimosa. Lasciar rapprendere il tutto in frigo fino al momento di servire 😉

DSC01225

DSC01227

DSC01229

 

0

BROWNIES ALLE CASTAGNE E CIOCCOLATO SENZA GLUTINE

Questi dolcetti li ho improvvisati in occasione di una festa del centro giovanile. Ho pensato all’autunno, ormai inoltrato, almeno stando alle temperature e così non potevano non mancare le castagne. Siccome, poi, la quantità doveva essere abbondante e per tante persone, ho optato per la versione brownies, così che con una bella teglia ho risolto il problema 😉 ed ecco a voi il risultato…

Ingredienti (per una teglia rettangolare di 36×30 cm):

– 500 gr di farina di castagne

– 250 gr di burro allo yogurth

– 6 uova

– 120 gr di zucchero semolato

– una bustina di zucchero vanillinato

– una bustina di lievito

– un vasetto di marmellata di marroni

– 300 gr di cioccolato fondente

– una manciata di pinoli per guarnire

 

Preparazione:

In un’ampia ciotola versare la farina settacciata con il lievito e aggiungervi lo zucchero semolato e vanillianto e continuare a mescolare. Aggiungere poi le uova una alla volta, mescolando bene bene.

Sciogliere il burro a fuoco basso o a bagnomaria e scioglierci dentro circa 80 gr di cioccolato fondente. Mettere, dunque, il burro con il cioccolato nella ciotola insieme agli altri ingredienti e mescolare ancora energicamente.

Versare il composto nella teglia rettangolare ricoperta con della carta da forno. Infornare a 180° con modalità ventilato per circa 20-25 minuti.

20141018_145437

Una volta cotto, lasciarlo raffreddare e spalmarci sopra un bello strato di marmellata di marroni.

20141018_161340

20141018_162248

Sciogliere, quindi, il restante cioccolato fondente e cospargerlo sopra lo strato di marmellata.

20141018_163817

Decorare con dei pinoli o con ciò che più vi stuzzica e tagliare le porzioni subito, prima che la cioccolata si solidifichi.

20141018_164427

 

Questi brownies sono ottimi sia come colazione che per una dolce merenda e vi consiglio di accompagnarli sempre con del latte o del thè caldo, nonostante l’impasto resta molto morbido anche nei giorni successivi 😉

20141019_121543

 

0

CHEESECAKE CON ROTOLO AL CIOCCOLATO BIANCO

Eccomi qua dopo tanto tempo, dopo un trasloco, dopo le ferie, con una connessione che va così così e la cucina “nuova” tutta da sperimentare. Spero nei prossimi giorni di riuscire pian piano a pubblicare tutte le ricette che ho in sospeso da tanti giorni. Intanto iniziamo con questa delizia…

Appena ho visto questa ricetta sul sito di Giallo Zafferano mi sono illuminata e mi sono detta “wow che spettacolo, la devo provare a fare assolutamente. E così pochi giorni più tardi mi sono messa all’opera in occasione di una rimpatriata con vecchie compagne di squadra. Vi assicuro che è un lavoraccio, ma la soddisfazione è tanta. Ho variato alcuni ingredienti rispetto alla ricetta originale, un po’ per “alleggerirla”, un po’ per finire cose che avevo in casa. Vi consiglio comunque di iniziare almeno il giorno prima, visto che è molto elaborata e un po’ lunghetta da preparare;)

INGREDIENTI (per uno stampo di 20 cm di diametro):

per la base della cheesecake

-180 gr di biscotti secchi (tipo gli oswego)

-un cucchiaio di cacao amaro in polvere

-70 gr di burro

Per la farcitura della cheesecake

-6 gr di colla di pesce

-600 gr di ricotta fresca

-200 ml di panna liquida

-4 cucchiai di zucchero a velo

Per l’impasto del rotolo

-3 uova

-80 gr di zucchero di canna integrale

-1 cucchiaino di miele di castagno

-6 gr di lievito in polvere per dolci

-40 gr di farina senza glutine per dolci

-un cucchiaio di cacao amaro in polvere

-un pizzico di sale

Per la crema del rotolo

-6 gr di colla di pesce

-200 ml di panna liquida

-200 gr di cioccolato bianco

-200 ml di latte di riso

-un cucchiaio di zucchero di canna integrale

Per decorare

-gocce di cioccolato fondente

 

PREPARAZIONE:

Per prima cosa  imburrare leggermente lo stampo della torta e ricoprirlo alla perfezione con la carta da forno.

Spezzettare, quindi, i biscotti secchi a mano o con il mixer. L’importante è che restino un po’ grossolani. Aggiungere il cacao amaro ai biscotti e mescolare finchè questi non siano diventati marroni. Sciogliere il burro in un pentolino e aggiungerlo ai biscotti. Mescolare bene bene per far amalgamare gli ingredienti. Versare il composto così ottenuto nello stampo e appiattirlo bene con un cucchiaio. Lasciarlo rapprendere bene in frigo per almeno una mezzoretta.

DSC01377

Intanto mettere in ammollo in acqua fredda i primi 6 gr di colla di pesce. In un’ampia ciotola mescolare la ricotta con 150 ml di panna liquida e lo zucchero a velo, finchè non si siano ben amalgamati. Scaldare in un pentolino i restanti 50 ml di panna liquida, toglierla dal fornello e scioglierci dentro i fogli di colla di pesce ben strizzati.

Aggiungere il tutto al composto di ricotta, panna e zucchero. Mescolare bene bene e versare il tutto nello stampo della torta sopra lo strato di biscotti secchi. Appiattirlo con un cucchiaio in modo omogeneo. Lasciar riposare in frigo fino al giorno successivo o almeno un paio di orette.    DSC01378

Nel frattempo si prepara il rotolo al cioccolato. Per prima cosa bisogna preparare la crema siccome deve riposare in frigo. Mettere in ammollo gli altri 6 gr di colla di pesce. Scaldare in un pentolino la panna e il latte di riso. Una volta tiepidi, scioglierci dentro la gelatina e mescolare il tutto con una frusta elettrica affinchè non si creino grumi. Intanto sciogliere a bagnomaria o a fuoco basso il cioccolato bianco spezzettato. Aggiungerlo poi al composto di panna, latte e gelatina. Mescolare il tutto con un cucchiaio di legno e disporre il tutto in un’ampia teglia di vetro. Coprirla con la pellicola e lasciarla riposare in frigo almeno un paio di ore.

Intanto sbattere i tuorli con metà dose di zucchero e con il miele, finchè non diventano spumosi. In un’altra ciotola montare gli albumi e aggiungervi man mano il restante zucchero. Versare, quindi, i tuorli sugli albumi e mescolare delicatamente dall’alto verso il basso. Aggiungervi poi la farina mescolata al lievito e al cacao ben setacciati. Mescolare sempre dall’alto verso il basso.

Disporre il composto ben steso su una teglia da forno rettangolare ricoperta di carta da forno.

DSC01379

Cuocere in modalità ventilato a 180° per non più di 5 minuti. Tirarlo fuori e lasciarlo raffreddare.

DSC01380

Tagliarlo poi in due rettangoli più piccoli.

Riprendere la crema al cioccolato bianco e mescolarla un paio di volte per renderla ben omogenea. Spalmarla con una spatola sui due rettangoli di pan di spagna.

DSC01383

Arrotolarli e avvolgerli nella pellicola. Lasciarli raffreddare in frigo almeno un paio di orette.

DSC01381

Tagliarli, quindi, in fettine spesse almeno un centimetro e disporle attorno alla cheesecake. A me sono avanzate alcune fette che ho guarnito con panna montata e gocce di cioccolato.

DSC01384

 DSC01387

Decorare la cheesecake con le gocce di cioccolato a vostro piacimento.

DSC01389

DSC01392

 

0

TORTA AMARETTI, CAROTE E MANDORLE

Finalmente dopo tanti giorni di silenzio, torno a farmi viva…anche questa volta vi propongo una ricetta dolce e questa volta pure glutinica, visto che mi hanno chiesto di preparla per un’occasione specifica….Non avevo assolutamente un’idea di base, così sono andata ad occhio e ho usato più ingredienti possibili per svuotare la dispensa…il risultato è stato davvero ottimo e sensazionale!!!!

Ingredienti (per uno stampo di 26 cm):

– 250 gr di farina 00

– 50 gr di farina 00 con lievito incorporato

– 50 gr di farina integrale

–  1 bustina di lievito in polvere

– 100 gr di zucchero semolato

– 100 gr di zucchero di canna

–  3 uova

–  200 gr di burro

– 250 gr di amaretti

– 50 gr di mandorle

– 5 carote piccole

– Zucchero a velo per decorare

 

Preparazione:

In un ampia ciotola mescolare dapprima gli ingredienti secchi quali le mandorle tritate grossolanamente, gli amaretti sbriciolati a mano, le farine settacciate, il lievito e le carote triturate.

DSC01163

Mescolare bene e aggiungervi le uova e il burro tagliato a pezzetti. Amalgamare il tutto con l’aiuto di un mestolo.

DSC01164

Versare l’impasto in una teglia precedentemente imburrata e infarinata leggermente.

DSC01166

Cuocere in forno a modalità ventilato a 180° per circa 30 minuti. Servire ancora tiepida, ben spolverata con lo zucchero a velo e gustare in compagnia. Io non ho mai mangiato nulla di così soffice 😛

DSC01172

DSC01173

DSC01175

0

BISCOTTI MORBIDI ALLE NOCI

Ecco un’altra ricettina dei biscotti che ho preparato da regalare per questo Natale. Era la prima volta che la facevo. L’idea l’ho presa da un librettino di biscotti che era in vendita con il quotidiano locale lo scorso inverno.

Ingredienti (per circa 30 biscotti):

– 200 gr di farina 00 già miscelata con il lievito

– 150 gr di burro allo yogurth

– 100 gr di gherigli di noci

– 70 gr di zucchero semolato

– una bustina di zucchero vanillinato

– 3 uova

– un pizzico di sale

 

Preparazione:

Con l’aiuto del mixer frullare assieme le noci con lo zucchero semolato e quello vanigliato, mantenendole abbastanza grossolane.

In un’ampia ciolota mescolare, quindi, il burro tagliato a pezzetti con i tuorli, creando una crema morbida. Aggiungervi poi la farina mista al lievito setacciata e il pizzico di sale. Mescolare bene fino a crerare un composto omogeneo. Infine unire le noci tritate con lo zucchero.

DSC00958

Montare poi a neve gli albumi e aggiungerli al composto, mescolando sempre dall’alto verso il basso.

DSC00961

Versare il tutto in una sac à poche e disporre dei piccoli mucchietti sulla carta da forno. Attenzione a distanziarli un pochino, perchè poi aumenteranno di volume durante la cottura. Decorarli con un gheriglio di noce o anche solo con un pezzettino.

DSC00964

Cuocerli in forno a 180° per circa 15 minuti. Servirli con il thè o anche semplicemente mangiarli per colazione o con il caffè a fine pasto.

DSC00965

DSC00967

Tags: ,
0

MUFFIN E TORTINE CON FARINA DI RISO, CAROTE E MANDORLE

Continuano i miei esperimenti culinari seguendo le mie tolleranze-intolleranze…oggi dopo tanto tempo ho fatto di nuovo qualcosa di dolce…ho trovato questa ricetta in internet sfogliando blog vari e l’ho un po’ modificata…con queste dosi io ho fatto 6 muffin medi e 6 tortine con lo stampino. Ho preferito non colmare gli stampi, perchè sennò sarebbero venute 8-10 porzioni massimo…ma fate voi 😉 Devo dire anche che la ricetta si può quasi considerare light, grazie all’utilizzo della farina di riso e delll’olio. La consistenza è sofficissima, grazie alle carote e devo dire che uno tira l’altro 😛

Ingredienti (per 12 pezzi):

– 200 gr carote

– 170 gr di farina di riso

– 70 gr di mandorle

– 1 bustina di zucchero vanillinato

– 50 gr di zucchero di canna integrale

– 50 gr di zucchero semolato

– 2 uova

– 3 cucchiai di olio di semi di girasole (io ho usato olio Dante)

– 1 bustina di lievito per dolci

– 1 limone

– 1 pizzico di sale

 

Preparazione:

Lavare e pulire bene le carote e togliergli le impurità. Tagliarle a pezzettini e tritarle bene nel mixer. Lasciarle riposare condite con il succo di mezzo limone.

DSC00569

Nel frattempo montare le uova aggiungendo di volta in volta i tre zuccheri. Mescolare, quindi, con un cucchiaio e aggiungere la farina, il lievito, le mandorle tritate grossolanamente con il mixer, l’olio (io olio Dante), la scorza del limone e un pizzico di sale.

DSC00570

Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati, unirvi le carote e mescolare bene per formare un impasto omogeneo.

DSC00571

Accendere il forno in modalità ventilato a 180°. Sistemare l’impasto negli stampini dei muffin, se li avete, o direttamente nei pirottini dei muffin o in qualsiasi altro stampino (io ho usato infatti anche quello delle tortine). Cuocere per circa 25 minuti.

DSC00573

Lasciare che si intiepidiscono un attimo e cospargerli con zucchero a velo.

DSC00579

DSC00576

DSC00582

DSC00583

DSC00585

1

TORTA CHEESECAKE CALDA-FREDDA 30 ANNI DI MATRIMONIO

Ieri era il 30° anniversario di matrimonio dei miei genitori e così ho deciso di fargli trovare una sorpresa al loro ritorno da un viaggetto che si sono concessi. Per l’occasione ho voluto sperimentare una nuova torta tipica di qui, ovviamente modificandone un po’ gli ingredienti.

Ingredienti:

– 120 gr di carote

– 5 uova

– 150 gr di zucchero di canna

– 100 gr di zucchero semolato

– 1 bustina di zucchero vanillinato

– 80 gr di farina di grano saraceno

– 50 gr di amaretti

– 120 gr di nocciole

– la scorza di un limone

– 150 ml di latte parzialmente scremato

– 300 gr di perla di latte

– 250 gr di ricotta

– una vaschetta di lamponi freschi

– un barattolo di marmellata di lamponi

– 5 fogli di gelatina

 

Preparazione:

Tritare finemente le carote con l’aiuto del mixer, dopo averle ben lavate e pulite. Montare le uova assieme allo zucchero di canna, lo zucchero vanillinato, la scorza di limone e il sale. A parte unire in una ciotolina la farina di grano saraceno con le nocciole e gli amaretti tritati grossolanamente nel mixer. Incorporare, quindi, alle uova spumose le carote e poi mescolando sempre dall’alto verso il basso, aggiungere la farina con le nocciole e gli amaretti. Versare il tutto nello stampo precedentemente imburrato e infarinato leggermente.

DSC09783

Cuocere il tutto a 170° per circa 30-35 minuti in modalità ventilato. Tiratelo poi fuori e fatelo raffreddare.

DSC09784

Intanto, mettere in ammollo 4 fogli di gelatina in acqua fredda. In un pentolino riscaldare il latte con lo zucchero semolato e l’uovo rimasto, fino a circa 82° (l’impasto dovrebbe compattarsi, a me purtroppo non è successo, nonostante la temperatura fosse giusta, comunque il risultato è stato ottimo lo stesso ;)). Strizzare la gelatina e aggiungerla alla crema ancora calda. Lasciar raffreddare un attimo e aggiungervi la perla di latte e la ricotta. Aggiungere, quindi, il tutto nello stampo sopra lo strato precedentemente cotto in forno. Lasciar raffreddare in frigo per almeno un’oretta.DSC09785

Nel frattempo per decorare, ho scolto l’ultimo foglio di gelatina in acqua fredda e ho scaldato un minutino mezzo vasetto di marmellata di lamponi in un pentolino. Ho strizzato bene la gelatina e l’ho aggiunta alla marmellata ancora calda. Ho versato il tutto negli stampini che ho a forma di numero 3 e di numero 0. Ho lasciato raffreddare il tutto in frigo. Infine ho guarnito la torta con 30 lamponi freschi ben lavati e disposti sul bordo della torta e con una pioggerella di cuoricini rossi zuccherati. Tutto attorno ho messo 30 cioccolatini che ho preparato nel mentre.

DSC09793

DSC09794

DSC09797

DSC09805

 

Con questa ricetta partecipo al contest:

dolci con farine speciali

0

BRIOCHES DI PASTA MADRE

Eccoci quà con il primo tentativo di brioches con pasta madre. La ricetta l’ho presa dal sito cookaround e l’ho fatta in una giornata intera, invece che dalla sera alla mattina 😉

Ingredienti (per circa 32 brioches):

– 250 gr di pasta madre solida rinfrescata

– 250 gr di farina 0

– 300 gr di farina 00

– 60 gr di burro

– 200 ml di latte

– 90 gr di zucchero

– 90 gr di zucchero di canna

– 1 bustina di zucchero vanigliato

– 2 uova

– crema di nocciole

– marmellata di lamponi

confettura biologica extra Lazzaris

– zucchero a velo

 

Preparazione:

La sera ho rinfrescato la pasta madre, così da utilizzarla subito alla mattina. In un pentolino abbastanza capiente, far sciogliere la pasta madre nel latte tiepido, aggiungere le uova, il burro ammorbidito e tagliato a pezzettini, i 3 tipi di zucchero e le farine, continuando a mescolare bene finchè non si crea un panetto morbido ed elastico. Con un coltello incidere una croce sopra il panetto e lasciar riposare per 3 ore.

Dividere, quindi, l’impasto in 4 palle uguali e stendere ciascuna palla con il mattarello, formando un ampio cerchio. Ricavare da ciascun cerchio 8 spicchi uguali. Sul lato corto di ciascuno spicchio mettere un cucchiaino di marmellata o di crema di nocciole. Arrotolare, quindi, ciascuno spicchio dandogli la classica forma del cornetto. Disporre tutti i cornetti su delle teglie ricoperte di carta da forno e lasciarli lievitare 7 ore circa.

Collocare sul fondo del forno un pentolino contenente dell’acqua e accendere il forno a 160° in modalità statico. Cuocere una teglia per volta per circa 20 minuti o fino a quando non doreranno leggermente. Lasciare intiepidire e cospargerli di zucchero a velo, se li consumate subito 😉

Io li ho consumati circa 7-8 ore dopo e devo dire erano ancora molto morbidi. Gli altri li ho messi nel congelatore, li ho tirati fuori di sera e mangiati la mattina dopo e anche loro erano rimasti soffici 😉