Crea sito

pizza Archive

0

PIZZA ALLA FARINA DI KAMUT

Siccome avevo un sacco di farina di kamut in scadenza e una cena in vista, ho provato questa ricetta vista su Giallo Zafferano e devo dire che sono rimasta molto soddisfatta. L’impasto è risultato morbido e molto più digeribile della classica pizza…

INGREDIENTI (per una teglia tonda da 32 cm di diametro e una rettangolare di circa 35×38 cm):

-800 gr di farina di kamut

-40 gr di lievito di birra

-6 cucchiai di olio di oliva

-sale

-zucchero di canna

-due mozzarelle senza lattosio

-500 ml di passata di pomodoro piccante

-origano

-olive,prosciutto,capperi,salame piccante ecc a piacimento

 

PREPARAZIONE:

siccome ho usato tanta farina, ho lavorato due impasti separati. In un’ampia ciotola di vetro ho messo circa 500 gr di farina di kamut lavorata con circa 320 ml di acqua tiepida, 25 gr di lievito di birra sbriciolato a mano, un pizzico di zucchero di canna, un cucchiaino abbondante di sale e 4 cucchiai di olio d’oliva. In un’altra ciotola, invece, ho impastato 300 gr di farina di kamut con 15 gr di lievito sbriciolato, circa 180 ml di acqua tiepida, un pizzico di zucchero di canna, un cucchiaino scarso di sale e 2 cucchiai di olio d’oliva.

Lavorare l’impasto finchè non diventerà una bella palla liscia e omogenea. Avvolgere la ciotola con un canovaccio inumidito e lasciar lievitare nel forno spento per almeno un paio di orette. L’impasto dovrà aumentare di volume fino a diventare quasi il doppio.

Trascorso il tempo, stendere l’impasto in una teglia da forno rivestita di carta da forno leggermente unta con olio, così da facilitare l’operazione. Cospargere l’impasto con un sottile strato di passata di pomodoro (io ne ho usata una molto particolare proveniente da agricoltura biologica al gusto piccante, davvero deliziosa 😉 ) condita con sale e origano. Infornare a 250° in modalità “statica” per circa 10 minuti.

DSC01365 DSC01366

Estrarre la pizza, farcirla a piacere. Io c’ho messo su un po’ di tutto, dal salamino piccante, alle olive, passando per la mozzarella senza lattosio. Rimettere la teglie in forno e continuare la cottura a 220°-200° per circa 5-7 minuti.

DSC01367

Una volta cotta, spolverizzarla con un po’ di origano, se vi piace, e con delle foglie di basilico fresco spezzettato a mano lì sul momento. Gustarla ancora tiepida e buon appetito 😛

DSC01373

DSC01374

 

0

PIZZA FARINA DI SOIA E FECOLA DI PATATE

Stasera grande esperimento in cucina. Qualche giorno fa sono andata a farmi un giro in un negozio dedicato esclusivamente alla vendita di prodotti alimentari per celiaci e per gli intolleranti. Girovagando tra gli scaffali ho scovato un pacchetto di farina di soia. Ho visto che sopra la confezione c’erano un paio di ricette, così ho deciso di comprarla. Oggi pomeriggio così ho iniziato a cercare su internet idee su come fare la pizza con la farina di soia. In realtà in internet ho trovato veramente pochissimo. Ho scoperto solo che la farina di soia assorbe molta acqua e che quindi era meglio aumentare la dose rispetto alla ricetta descritta sulla confezione. Ecco quello che è venuto fuori, una ricetta gustosissima, senza glutine, un impasto sofficissimo e super digeribile 😉

Ingredienti (per una teglia tonda di 33 cm di diametro):
– 350 gr di fecola di patate

– 200 gr di farina di soia

– 400 gr di acqua

– 1 bustina di lievito

– 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva (io ho usato olio Dante)

– 3 cucchiaini colmi di sale

– 1 cucchiaino di zucchero di canna

 

Per farcire:

– 300 gr di passata di pomodoro

– 1 mozzarella senza lattosio

– 30 gr di prosciutto cotto

– olive

– capperi

– origano

 

Preparazione:

In una capiente ciotola di vetro mescolare la farina di soia con la fecola di patate. Aggiungervi il lievito, l’acqua tiepida, l’olio, il sale e lo zucchero. Impastare il tutto a mano, creando un impasto omogeneo. Sarà veramente molto soffice e molto friabile.

DSC00656

Lasciarlo riposare nel forno spento per almeno 3 ore.

DSC00657

Preparare una teglia da forno coperta con una carta da forno e bagnata con un filo d’olio. Stendere l’impasto nella teglia picchiettandolo con la punta delle dita in tutte le direzioni, finchè non sarà coperta tutta la teglia. Lasiciar riposare almeno un quarto d’ora, sempre nel forno spento.

DSC00658

Nel frattempo, condire la passata di pomodoro con sale, origano e olio e tagliare la mozzarella a cubetti. Spalmare il pomodoro sulla pizza e infornarla a forno preriscaldato a 250° in modalità mista statico-ventilato. Procedere, quindi, poi a farcirla con mozzarella, olive, capperi, prosciutto cotto a pezzetti e con tutto quello che più vi gusta 😉 Continuare la cottura per 10 minuti abbassando la temperatura a 200°. Terminare la cottura a 180° per altri 10 miuti.

DSC00659

Il risultato è stata una pizza morbidissima, davvero davvero soffice, ma a me è piaciuta tantissimo e ho deciso che la rifarò tante altre volte, è stato amore a prima cottura 🙂

DSC00661

DSC00662

Forse la prossima volta diminuirò un po’ la dose di acqua e aggiungerò un po’ di sale, vediamo che succederà 😉

DSC00664

1

PIZZA BIANCA ROMANA AL FARRO

In questi miei recenti viaggi a Roma mi sono letteralmente innamorata della pizza bianca sia mangiata al posto del pane semplice semplice, che farcita a piacimento per pranzo o per cena. Appena sono tornata, dunque, mi sono messa alla ricerca della ricetta per farla in casa.

Ingredienti (per 2 pizze):

-400 gr farina di farro

-300 ml di acqua

-2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

-1 cucchiaio di fecola di patate

-1 cucchiaio scarso di malto

-2 cucchiaini di sale

-mezzo cubetto di lievito di birra

-sale grosso per guarnire

-olio extravergine d’oliva

-formaggi, insaccati e qualsiasi cosa vogliate metterci dentro 😉

 

Preparazione:

Far sciogliere il lievito e il malto in 200 ml di acqua tiepida per 10 minuti. Dopo di che aggiungere il tutto alla farina in una ciotola capiente. Iniziare ad impastare con le mani e aggiungere un po’ alla volta l’acqua restante, il sale e l’olio. Continuare ad impastare a mano e lasciar riposare l’impasto per almeno due ore in una ciotola di vetro coperta da uno strofinaccio inumidito, meglio se in un ambiente caldo o nel forno spento, lontano da correnti d’aria. Le due ore sono indicative, in realtà bisogna aspettare che l’impasto diventi almeno il doppio, se non il triplo.

Lievitato a sufficienza l’impasto, lo si toglie dalla ciotola e lo si lascia cadere sul piano da lavoro ben in farinato (è importante perchè l’inmpasto è molto idratato e molle). A questo punto lavorare l’impasto ripiegandolo in tre parti per due volte, dopo di che dividerlo in due parti. Lavorare ciascuna metà di impasto sempre ripiegandola in tre parti e poi prendendo l’impasto esterno e portandolo al centro di esso. Lasciar riposare le due palline di impasto così ottenute per circa 20 minuti

Trascorso il tempo, rivestire due teglie con carta da forno e cospargerle con un sottile strato d’olio extravergine d’oliva. Stendere su una teglia una palla di impasto con l’aiuto delle mani ben unte di olio, cercando di lasciare l’impasto non più alto di un dito. Spolverarle con del sale grosso e con un altro filo d’olio.

DSC09395

DSC09396

Cuocere in forno in modalità ventilato o pizza (da me è un misto di ventilato e statico) finchè le pizze non saranno ben dorate. Tagliarle, quindi, a metà e farcirle a piacimento. Io l’altra sera ne ho farcita una con prosciutto crudo, mozzarella e rucola e una con speck e caciocavallo. A Roma, invece, una delle mie preferite è stata con prosciutto crudo, scamorza e melanzane grigliate.

DSC09400

DSC09405

DSC09402

DSC09406

DSC09408

2

LA MIA PRIMA PIZZA CON LA PASTA MADRE

Eccomi qua a raccontarvi il mio primo esperimento per realizzare la prima pizza fatta INTERAMENTE in casa 😉 Ho seguito con attenzione i consigli e le ricette che ho trovato sul gruppo di Facebook dedicato proprio alla pasta madre e il risultato direi che è stato soddisfacente 🙂

Ingredienti (io ho fatto una teglia tonda e una rettangolare grande tutto il forno, direi quindi circa 3 pizze):

– 75 gr pasta madre

– 75 gr farina 00

– 35 ml acqua tiepida

– 1 cucchiaino di zucchero di canna

– 2 cucchiaini di sale

– 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva Dante 100% Italiano

– 100 gr di farina di semola di grano duro

– 200 gr di farina di manitoba 0

– 200 gr di farina 00

– 300 ml di acqua tiepida

 

Per farcire:

– salsa di pomodoro

– salamino piccante

– 2 mozzarelle (almeno)

– rucola

– orgiano

– basilico fresco

– olive verdi piccanti

– speck

– e tutto ciò che più vi piace 😉

 

Preparazione:

La sera prima ho fatto il rinfresco con la pasta madre, ne avevo solo 75 gr quindi ho aggiunto 75 gr di farina 00 e 35 ml di acqua tiepida. Ho impastato bene a mano, finchè l’impasto non si attaccasse più alla mano (eventualmente aggiungere farina). L’ho rimesso nel vasetto della pasta madre e ho solo appoggiato il coperchio. L’ho tenuto fuori dal frigo tutta la notte.

La mattina dopo (circa 9 ore dopo) ho prelevato circa 50 gr di pasta madre, che ho rimesso in frigo in un barattolo, per le prossime volte, e ho aggiunto al resto della pasta madre la farina di manitoba, la farina di semola, la farina 00, l’olio Dante, lo zucchero e il sale e ho impastato per bene, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Ho fatto, dunque, riposare l’impasto in una ciotola di vetro (in alternativa NO plastica, Sì legno o ceramica), avvolta da un panno inumidito e chiusa nel forno.

Trascorse circa 6 ore, ho ripreso l’impasto che nel frattempo è lievitato ed è cresciuto e l’ho diviso in due parti (una circa 1/3 e l’altra 2/3 di tutto l’impasto) e l’ho disposto sulle due teglie che avevo precedentemente passate con uno strato di olio extravergine di oliva Dante. Stendere bene l’impasto fino a ricoprire le teglie e lasciarle riposare nel forno chiuso per altre 2-3 ore.

E’ arrivato poi il momento di cuocerle. Ho acceso il forno a 250° in modalità ventilato e ho aspettato che raggiungesse la temperatura. Nel frattempo ho ricoperto le pizze con uno strato di salsa di pomodoro cruda condita con olio extravergine d’oliva Dante, sale e una manciata di origano. Ho infornato per 6 minuti. Già in questi minuti si vedrà la pizza crescere ulteriormente. Dopo di chè, ho aggiunto la mozzarella a pezzetti e i restanti ingredienti e ho cotto a temperatura più bassa, circa 200° per altri 5-6 minuti, finchè la mozzarella non si è sciolta bene.

Devo dire che la pizza nella teglia più grande, quella rettangolare, è cresciuta di più ed è risultata più spessa di quella tonda. Forse la prossima volta dovrei usare tre teglie più piccole o più pasta madre 😉