Crea sito

gluten free Archive

0

GROESTL DI PATATE AL FORNO

La ricetta è la versione light di un must della cucina alto atesina, che prevede il Groest di patate fritto. Il procedimento è lo stesso, solo che la cottura avviene in forno, dura chiaramente di più, ma è sicuramente più salutare 😉 Sono davvero facili da fare e sono uno dei tanti modi con cui è possibile cuocere le patate, sicuramente una novità anche per i bambini…

Ingredienti (per circa 20 Groestl):

– 3 patate

– sale

– un filo d’olio extravergine

 

Preparazione:

Sbucciare accuratamente le patate e lavarle bene bene sotto l’acqua corrente. Con l’aiuto di una grattuggia, poi, tagliare le patate a lamelle.

DSC01283

Formare tanti mucchietti con le lamelle così ottenute e disporli su una teglia ricoperta di carta da forno e cospargerle con un filo d’olio.   DSC01287

Infornarle a 200° per circa 30 minuti, facendo attenzione che si dorino bene, ma che non brucino. Salarle bene e servirle, accompagnate con della carne o anche solo da un’insalatina mista 😉

DSC01291

Io le ho accompagnate alle costolette di agnello in crosta di pistacchi e pan grattato al mais 😉

DSC01293

0

PANE CON FARINA DI RISO E DI QUINOA CON SEMI DI SESAMO

Girovagando in una zona che non frequento quasi mai, mi sono imbattuta in un negozietto di prodotti biologici in cui non ero mai entrata e dove ho trovato finalmente la farina di quinoa. Ho voluto subito sperimentarla con la produzione di un pane senza glutine mai fatto. Oltre tutto non sapevo nemmeno quale fosse il gusto della quinoa 😉 Devo dire che essa è risultata particolarmente amara, ma il pane è venuto molto soffice.

Ingredienti (per uno stampo da plum cake di 26 cm):

– 150 gr di farina di riso

– 150 gr di farina di quinoa

– un cubetto di lievito di birra

– 250 ml di acqua tiepida

– 2 cucchiai di semi di sesamo

– un pizzico di sale

 

Preparazione:

In un’ampia ciotola mescolare la farina di riso con la farina di quinoa e aggiungervi il sale. Sbriciolarvi al centro il cubetto di lievito e iniziare a impastare a mano. Aggiungere progressivamente l’acqua e impastare un po’ alla volta, finchè non si crea una palla liscia e omogenea. Aggiungere 3/4 dei semi di sesamo e impastare ancora. Versare l’impasto nello stampo da plum cake e livellarlo bene. Cospargerlo con i semi rimasti. Coprire il tutto con un canovaccio inumidito e lasciar lievitare nel forno per almeno un’oretta.

20140310_120054

Infornare, quindi, a 180° per 40 minuti. Tirarlo fuori dallo stampo e girarlo e cuocerlo altri 10 minuti.

20140310_134615

Lasciar raffreddare, tagliare a fette e gustare 😉

20140310_220411

 

0

BISCOTTI AL GRANO SARACENO, FARINA DI RISO E LIQUIRIZIA – GLUTEN FREE

Eccovi un’altra ricetta dolce e l’ennesimo tentativo di biscotti di Natale gluten free, ma che vanno benissimo anche per tutte le altre occasioni 😉 L’idea l’ho presa dal blog Ribes e Cannella, poichè avevo comprato una vaschetta di polvere di liquirizia alla fiera di fine novembre ed ero in cerca di ricette per sfruttarla al meglio, dal momento che l’adoro. Ecco il risultato del primo esperimento.

Ingredienti (per circa 30 biscotti):

– 100 gr di farina di grano saraceno

– 100 gr di farina di riso

– 80 gr di burro

– 100 gr di zucchero di canna

– una bustina di zucchero vanillinato

– un cucchiaino di polvere di liquirizia

– 1 uovo

– due cucchiai di latte di riso

 

Preparazione:

In una ciotola capiente mescolare le due farine con la liquirizia. Aggiungervi il burro a temperatura ambiente tagliato a cubetti, lo zucchero di canna e il vanillinato, il latte e l’uovo. Impastare il tutto bene a mano, fino a creare una palla compatta e omogenea. Avvolgere l’impasto nella pellicola e lasciarlo raffreddare in frigo per almeno un’oretta.

DSC00882

DSC00883

Tirarlo fuori e stenderlo un po’ alla volta con il mattarello infarinato con della farina di riso. Con l’aiuto di una formina per biscotti, ricavare tanti biscotti e disporli su una teglia rivestita di carta da forno.

DSC00892

Cuocerli in forno a 180° in modalità ventilato per circa 12-15 minuti, finchè non vedrete i biscotti imbrunirsi leggermente. Servirli accompagnati con del thè o del latte o semplicemente fatene una bella confezione e regalateli 😉

DSC00894

 

0

CALAMARI RIPIENI CHE BONTA’

Come già accennato, oggi finalmente una ricetta salata dopo tante idee su biscotti natalizi, che riprenderanno nei prossimi giorni 😉 Su consiglio del pescivendolo, circa 2 mesi avevo comprato al mercato alcuni calamari. Come gran parte dell’ultimo pesce acquistato, non li avevo mai cucinati prima d’ora. E così pensa che ti ripensa, ho provato a cucinarli così, lasciandomi un po’ ispirare da una sfida che avevo visto alla prova del cuoco. Cucinati così vanno benissimo sia come antipasto, che come secondo piatto. Ovviamente dipende da quanti ne mangerete 😉 Io mi sono già innamorata di questa ricetta e l’ho già rifatta più di una volta.

Ingredienti (per circa 6-7 calamari):

– 6-7 calamari medio-piccoli

– 3 cucchiai abbondanti di pan grattato di mais tostato gluten free

– 2 alici sott’olio

– 3-4 olive piccanti

– 2 peperoncini piccoli sott’olio

– 2 cucchiai di olio

– prezzemolo

– sale aromatizzato per pesce

– pepe nero

– un goccio di vino bianco da cucina

 

Preparazione:

In un pentolino scaldare leggermente il pan grattato con l’olio d’oliva, le alici, i tentacoli dei calamari, i peperoncini, le olive tutto tagliati a pezzetti. Aromatizzare il tutto con il sale, il pepe e il prezzemolo. Se volete potete anche tritarvi uno spicchio di aglio. Una volta che il pan grattato si è leggermente dorato, togliere il tutto dal fuoco e con le mani o con un cucchiaino farcire ogni calamaro. Chiudere ciscun calamaro in cima con uno stuzzicadente.

Scaldare un padella antiaderente con un filo d’olio e uno spicchio di aglio. Adagiarvi sopra i calamari ripieni e cuocere il tutto per circa una decina di minuti, a fuoco medio. Aggiungervi un goccio di vino bianco per completare la cottura e far sì che non si attacchino alla padella.

1472905_10152086102197276_1900159867_n

Servire ancora caldi privati dello stuzzicadente, meglio se accompagnati da una fresca e leggera insalata mista. Buon appetito 🙂

1185105_10152086101862276_802697682_n

1471748_10152086102352276_1498984640_n

 

 

0

MOSTACCIOLI GLUTEN FREE (PRIMO TENTATIVO ;) )

Ecco a voi un’altra ricetta appartenente alla sezione biscotti di Natale 2013 😉 Come dice il titolo, però, è stata la prima volta che mi sono cimentata in questa ricetta natalizia tipica della Campania. Ho provato subito a sostituire la farina classica con la farina senza glutine. Il risultato esteticamente non è stato dei migliori, ma il gusto è stato decisamente migliore 😉 La ricetta l’ho presa da un’altro libretto che era venduto sempre assieme al quotidiano locale.

Ingredienti (per circa 30-35 pezzi):

– 150 gr mandorle

– 120 gr di cacao amaro in polvere

– 70 gr di farina senza glutine

– 60 gr di zucchero semolato

– una bustina di zucchero vanillinato

– una tazzina di caffè ristretto

– 1 cucchiaino di cannella in polvere

– 1 pizzico di chiodi di garofano in polvere

– un goccio di vino bianco secco da cucina

– 150 gr di cioccolato fondente

 

Preparazione:

In un’ampia ciotola mescolare la farina setacciata assieme al cacao in polvere, le mandorle tritate grossolanamente, lo zucchero semolato e quello vanillinato, il caffè, la cannella e i chiodi di garofano. Mescolare bene e aggiungervi via via alcune gocce di vino bianco per amalgamare bene il composto. Se vi sembrerà comunque troppo secco e non volete aggiungervi troppo vino, potete sostituirlo con dell’olio di semi.

DSC00955

Stendere l’impasto così ottenuto su una teglia rivestita di carta da forno e appiattirlo con una spatola finchè non risulta alto circa mezzo centimetro.DSC00956

Ritagliare, dunque, dei rombi con l’aiuto di un coltello e distanziarli leggermente.

DSC00957

Infornare a 180° in modalità ventilato e cuocere per circa 35 minuti. Lasciarli raffreddare.

 

Nel frattempo sciogliere a bagnomaria o a fuoco bassissimo il cioccolato fondente e cospargerlo, quindi, sui mostaccioli ben distanziati (sennò si attaccano tra di loro durante la consolidazione della glassa ;)). Lasciar rapprendere la glassa e servire a tutti quanti.DSC00969