2

VIAGGIO CULINARIO NELLA CAPITALE: ROMA E’ SICURAMENTE “MANGIA”!!

Ebbene sì come avrete letto qua e là negli ultimi miei post, ho scritto qualche frase riguardo i miei viaggi recenti a Roma per fare dei corsi di formazione per lavoro. Ovviamente però viaggiare significa anche scorpire e visitare luoghi, culture e tradizioni, anche culinarie. In questo mio viaggio mi hanno accompagnato non solo le persone che conosco da anni che abitano nella capitale, ma anche nuove interessanti persone conosciute ai corsi. Bè poi chiaramente mi hanno aiutato siti internet e un libro molto particolare, “101 cose da fare a Roma almeno una volta nella vita“, in cui non sono consigliati solo posti e vie particolari non molto conosciute, anche dagli stessi romani, ma anche pasticcerie, ristoranti, gelaterie, caffè, forni e chi più ne ha, ne metta. Se vi capita di dover andare a Roma e di passarci almeno 5-6 giorni, ve lo consiglio caldamente 😉 Alla luce di questi viaggi, non mi resta che dare ragione a Elizabeth Gilberth, autrice del famoso romanzo “Mangia, prega e ama“,la quale ha ambientato il capitolo “mangia” proprio a Roma. Premessa fondamentale è tener sempre presente l’influenza subita dalla cucina romana da parte della tradizione giudaica, ma anche del vicino Meridione italiano.

Ecco, quindi, che vorrei presentarvi i miei incontri culinari avvenuti a Roma, per creare una sorta di mini guida culinaria per chi si reca nella capitale qualche giorno, ma magari anche per i romani che hanno voglia di scoprire qualche posto nuovo (chiaramente ne leggerete tanti conosciutissimi 😉 ). Di seguito troverete, quindi, solo alcuni dei molteplici posti fantastici che potete trovare a Roma 😉

Per iniziare alla grande un pranzo, in tutti i ristoranti non possono mancare i fritti, ovvero la frittura di verdura, sopratutto carciofi, melanzane e zucchine, e gli arancini o i supplì. In alcuni posti viene anche servita l’immancabile pizza bianca romanamagari con anche ricotta di capra da spalmarci sopra. La cucina romana, però, non può non essere citata per i suoi fantastici primi piatti: la pasta alla carbonara, amatriciana, arrabbiata, puttanesca, gricia (ovvero la carbonara “in bianco”, cioè senza uovo, come nella foto sotto), cacio e pepe, che viene spesso servita in un cestino di formaggio grana; per non parlare poi degli gnocchi alla romana, ma anche semplici gnocchetti, io ne ho assaggiati di deliziosi conditi con sugo di agnello. A seguire, come secondo piatto, famosi sono i saltimbocca alla romana, l’abbacchio scottadito, la trippa romana e la coda alla vaccinara. Come contorno non possono mancare i carciofi alla romana e alla giudia, le puntarelle e la cicoria ripassata o semplice. I ristoranti migliori si trovano di solito in zona Trestevere, dove i prezzi non sono poi eccessivi, e a Testaccio, ma in generale se non ci si reca nei luoghi fatti apposta per ottenere soldi dai turisti, mangerete sicuramente bene!

DSC08839

DSC08568

DSC08569

Per quanto riguarda i dolci, invece, vorrei presentarvi dei luoghi imperdibili in cui recarsi. Tipici della tradizione romana sono i maritozzi farciti con panna montata, il pangiallo, il panpepato e il panforte romano, le meringhe, i torroni, le torte con ricotta e visciole, i mostaccioli, i tozzetti, le ciambelline di vino. Per le vie della città troverete anche dolci tipici soprattutto del Sud Italia, come le sfogliatelle napoletane, i cannoli, la frutta di marzapane.

La gelateria migliore in cui io sia andata finora a Roma è la Giolitti, situata ad un passo dal Parlamento (Via Uffici del Vicario), in pieno centro, affianco a via del Corso. I gusti sono molteplici e indispensabile è guarnirlo con la panna fresca 😉

DSC06794

Se, invece, avete voglia di biscottini o pasticcini da sgranocchiare lungo le vie della città, non potete non andare a Trastevere, dove troverete uno dei biscottifici storici della città, il biscottificio Innocenti (Via della Luce 21), in cui troverete biscotti e crostate di ogni tipo e crackers di vari gusti,

DSC08868

DSC08867

DSC08865

DSC08864

e la pasticceria Valzani (Via del Moro), in cui si trovano torroni, cioccolatini, torte, cannoli e meringhe di alta qualità.

DSC09221

DSC09215

DSC09224  DSC09220

DSC09219

DSC09218

DSC09217

DSC09216

DSC09214

DSC09213

Proseguendo verso il centro, vi troverete in zona Campo de’ Fiori, affianco alla cui piazza principale troverete in via dei Baullari, il Fornaio, pasticceria e biscottificio eccezionale, non solo di dolci romani, che fa anche ottimi pani e pizze.

DSC09227

DSC09228

DSC09230

DSC09232

DSC09231

Quando, invece, camminando vi verrà voglia di qualcosa di salato, potete sgranocchiare i famosi brustolini, ovvero i semi di zucca abbrustoliti e cosparsi di sale, che troverete in modo particolare nel quartiere ebraico nel Forno Boccione in via del Portico d’Ottavia, dove vengono prodotti anche dolci della tradizione giudaico-romana.

DSC08913

Un’altra cosa da provare, sta volta in zona Campo de’ Fiori, è il filetto di baccalà fritto Dar Filettaro (largo de’ Librari).

DSC08708

E già che siete lì, non potete non fare un aperitivo o, ancora meglio, un aperi-cena proprio in piazza Campo de’ fiori, ricca di tanti locali in cui con pochi euro si può bere un cocktail o un semplice aperitivo e mangiare risotti, paste fredde, cous cous, verdure, fritti, bocconcini di carne, polpette e quant’altro 😉 Lo stesso accade in zona Sapienza, in Via Catania, da ‘Mpare, ristorante-bar-pasticceria gestita da catanesi. Poco distante, in via Catanzaro, troverete Mizzica, pasticceria e rosticceria siciliana, in cui troverete ottimi arancini, pizzette, sfogliate, oltre che ottimi dolci e torte.

Per me che sono amante della Prova del Cuoco, non posso non consigliarvi due must dei seguagi della trasmissione. Se vi trovate in zona Vaticano, in Piazza del Risorgimento potete gustare uno dei fantastici panini di Christian Milone nella paninoteca 200° “Duecentogradi” (nella foto il panino “Campo de’ Fiori”), oppure, proseguendo verso la fermata metro Cipro, troverete il Pizzarium di Gabriele Bonci, dove si può gustare dell’ottima pizza fatta con lievito madre e la farina del famoso mulino Marino.

DSC08353

DSC08626

Tappa obbligatoria per chi ama il cibo è sicuramente EATALY, una vera e propria isola del piacere culinario, situato in zona Piramide-Ositense. Un palazzo di 4 piani interamente dedicato al cibo. Appena si entra si viene avvolti dai molteplici profumi dei ristoranti situati all’interno e la prima cosa che si vede è un fantastico angolo in cui si trovano tutti i libri immaginabili sul mangiare. All’interno si trovano una cioccolateria della Venchi, una gelateria, una piadineria, la pasticceria di Luca Monteriso, una paninoteca, l’angolo del pane e della pizza, il ristorante solo pizza, quello solo pasta, uno solo fritti, uno vegetariano, uno della mozzarella, una birreria, un angolo aperitivi. Inoltre, c’è un vero e proprio supermercato in mezzo al quale trovate tutti questi ristoranti, in cui si vendono prodotti tipici di ogni parte d’Italia, di solito prodotti rari e di alta qualità. Vale la pena davvero farci un giro e andarci con un bel gruzzoletto: difficilmente uscirete a mani e a pancia…vuote 🙂

DSC08931

DSC08838

DSC08658  DSC08837

DSC08831

DSC08830

DSC08823

DSC08824

DSC08825

DSC08826

DSC08827

DSC08828

DSC08829

DSC09306