PIZZA BIANCA ROMANA AL FARRO

In questi miei recenti viaggi a Roma mi sono letteralmente innamorata della pizza bianca sia mangiata al posto del pane semplice semplice, che farcita a piacimento per pranzo o per cena. Appena sono tornata, dunque, mi sono messa alla ricerca della ricetta per farla in casa.

Ingredienti (per 2 pizze):

-400 gr farina di farro

-300 ml di acqua

-2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

-1 cucchiaio di fecola di patate

-1 cucchiaio scarso di malto

-2 cucchiaini di sale

-mezzo cubetto di lievito di birra

-sale grosso per guarnire

-olio extravergine d’oliva

-formaggi, insaccati e qualsiasi cosa vogliate metterci dentro 😉

 

Preparazione:

Far sciogliere il lievito e il malto in 200 ml di acqua tiepida per 10 minuti. Dopo di che aggiungere il tutto alla farina in una ciotola capiente. Iniziare ad impastare con le mani e aggiungere un po’ alla volta l’acqua restante, il sale e l’olio. Continuare ad impastare a mano e lasciar riposare l’impasto per almeno due ore in una ciotola di vetro coperta da uno strofinaccio inumidito, meglio se in un ambiente caldo o nel forno spento, lontano da correnti d’aria. Le due ore sono indicative, in realtà bisogna aspettare che l’impasto diventi almeno il doppio, se non il triplo.

Lievitato a sufficienza l’impasto, lo si toglie dalla ciotola e lo si lascia cadere sul piano da lavoro ben in farinato (è importante perchè l’inmpasto è molto idratato e molle). A questo punto lavorare l’impasto ripiegandolo in tre parti per due volte, dopo di che dividerlo in due parti. Lavorare ciascuna metà di impasto sempre ripiegandola in tre parti e poi prendendo l’impasto esterno e portandolo al centro di esso. Lasciar riposare le due palline di impasto così ottenute per circa 20 minuti

Trascorso il tempo, rivestire due teglie con carta da forno e cospargerle con un sottile strato d’olio extravergine d’oliva. Stendere su una teglia una palla di impasto con l’aiuto delle mani ben unte di olio, cercando di lasciare l’impasto non più alto di un dito. Spolverarle con del sale grosso e con un altro filo d’olio.

DSC09395

DSC09396

Cuocere in forno in modalità ventilato o pizza (da me è un misto di ventilato e statico) finchè le pizze non saranno ben dorate. Tagliarle, quindi, a metà e farcirle a piacimento. Io l’altra sera ne ho farcita una con prosciutto crudo, mozzarella e rucola e una con speck e caciocavallo. A Roma, invece, una delle mie preferite è stata con prosciutto crudo, scamorza e melanzane grigliate.

DSC09400

DSC09405

DSC09402

DSC09406

DSC09408

Be Sociable, Share!

About toldina