MINI KRAPFEN AL FORNO TRADIZIONALI E A CUORE CON BURRO IN.AL.PI.

Siccome in questa casa siamo tutti un po’ a dieta, ho cercato di fare una ricetta che fosse il più light possibile, anche se di fatto ha le sue belle calorie 😉

Ingredienti (per circa 30-35 mini-krapfen):

– 225 gr farina manitoba

– 225 gr farina 00

– 1 uovo

– mezza bustina di lievito per dolci

– 50 gr zucchero

– 225 ml di latte

– 1 bustina di zucchero vanillinato

– mezza fialetta di aroma alla vaniglia per dolci

– 100 gr burro IN.AL.PI.

– sale

 

 Per farcire e decorare:

– una bustina di preparato per crema pasticciera

– marmellata di albicocche

– crema di nocciole

– zucchero a velo

 

Preparazione:

In un ciotola mettere un uovo sbattuto, lo zucchero normale e vanillinato, un pizzico di sale, l’aroma alla vaniglia. Mescolare bene finchè non si amalgama il tutto per bene. Aggiungere, quindi, 300 gr delle due farine (150 gr manitoba e 150 gr 00) settacciata con il lievito, continuando a mescolare, e  poi iniziare ad impastare. Aggiungere poi il burro tagliato a pezzettini e continuare ad impastare, finchè l’impasto non sarà ben omogeneo. Infine, aggiungere la farina restante di entrambi i tipi. Far, dunque, riposare l’impasto in una ciotola coperta da un canovaccio, per almeno un’ora.

Trascorso il tempo, stendere un po’ di impasto per volta e ricavare dei dischi con l’aiuto di formine (io ho usato una forma a cuore per biscotti e un cerchio per ravioli). Disporli su una teglia coperta da carta da forno, ben distanziati tra loro e lasciarli lievitare per almeno un’altra ora.

Nel frattempo si può preparare la crema pasticciera (io ho usato un preparato già pronto per questioni di tempo, aggiungendo solo del latte).

Poco prima che sia passato il tempo, accendere il forno a 200°, in modalità ventilato. Raggiunta la temperatura, infornare i krapfen nel terzo ripiano del forno e cuocere per circa 15 minuti.

Una volta cotti, farcirli subito con l’aiuto di una siringa per pasticceri o con una sac a poche. Spolverizzarli, dunque, con zucchero a velo e servirli, meglio se ancora caldi 😉

Con questa ricetta partecipo ai contest:

Be Sociable, Share!

About toldina