Luganega e fagioli

iatto contadino tipico del Trentino, Veneto e Bresciano che veniva cucinato il giorno prima in paioli appesi sul caminetto dove sobbolliva per ore invadendo, assieme al profumo della polenta abrustolita con il quale si accompagnava, tutto l’ambiente.
La ricetta originale prevede l’utilizzo di fagioli secchi e conserva di pomodoro, in questa rivisitazione ho cercato di accorciare i tempi di preparazione mantenendo vivi i sapori tradizionali.

Luganega e fasoi

 

 

 

 

 

 

 

Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione c.a. 60 min.

Ingradienti per 3 persone (o 2 affamati)

300 g. di luganega
1 cipolla (io ho usato quella rossa perché è più dolce)
1 spicchio d’aglio
erbe aromatiche (salvia rosmarino alloro)
un poco di concentrato di pomodoro
olio evo
400 g. di fagioli borlotti in scatola
mezzo cucchiaio di granulare vegetale
sale, pepe q.b.
facoltativamente
1/2 carota
un poco di sedano
1/4 di bicchiere di vino rosso o bianco secco
qualce bacca di ginepro

Preparazione:
In un tegame soffriggere in poco olio EVO la cipolla tritata la carota ed il sedano a dadolini, l’aglio intero.
Nel frattempo si toglie la luganega dalla pelle e si creanno dei piccoli bocconcini.
A soffritto imbiondito si toglie l’aglio e si inseriscono i fagioli e si sfuma con il bicchierino di vino, quando evaporato si aggiunge 1 bicchiere d’acqua, 1/2 cucchiaio di granulare vegetale e un poco di concentrato di pomodoro, si aggiungono gli aromi, si copre con un coperchio e si lascia sobbollire per circa 1/2 ora salando e pepando q.b..
Nel frattempo in una padella a parte si fa rosolare la luganega in purezza, ossia senza nessun grasso aggiunto, volendo si possono aggiungere qualce bacca di ginepro per profumare.
Quando ben rosolata si mette la luganega nel tegame assieme ai fagioli, si copre di nuovo con coperchio e si lascia sobbollire per 20-30 min.
In caso di necessità aggiungere un poco d’acqua per mantenere il tutto cremoso.
Come detto nella presentazione questo piatto andrebbe servito con delle fette di polenta abrustolita, altrimenti come nel mio caso munitevi con del buon pane casareccio…..
Come al solito allego la videoricettina
Ciao
Mario

Be Sociable, Share!
Precedente Spiedo bresciano alla griglia e spiedini di patate Successivo Arrosto di lonza in pentola a pressione

Un commento su “Luganega e fagioli

  1. ciao Mario grazie per aver partecipato, ti ho inserito nella lista dei concorrenti. in bocca al lupo!
    Martina

I commenti sono chiusi.