Crea sito

Brasato al vino rosso in pentola a pressione

Share:
Condividi

Autunno, stagione in cui si rispolverano ricette e sapori consistenti, come fare a restistere ad un buon brasato al vino rosso, magari accompagnato con un polentino caldo caldo seduti accanto ad un caminetto acceso….. beh il caminetto in casa non l’ho più ma il resto mi ha fatto venir proprio voglia di un buon:
BRASATO DI MANZO AL VINO ROSSO

 

 

 

 

 

 

 

Difficoltà: medio-facile
Tempo di preparazione: marinatura 12 ore, cottura 60 min. in pentola a pressione, preparazione 15 min.

Ingredienti:

Premessa, siccome la preparazione di questo prelibato piatto richiede tempo le nostre dosi sono elevate a 8-12 persone, noi poi porzioniamo il brasato in contenitori d’alluminio e lo congeliamo in dosi per 3…..

Per la marinatura:

2 Kg. di cappello di prete (parte della spalla del bovino adatta a spezzatini, lessi, arrosti e brasati, leggermente venata di grasso e molto saporita)
1 cipolle
2 carote
2 gambi di sedano
2 stecche di cannella
tre ramoscelli di rosmarino, 4 o 5 foglie di alloro
Sale e pepe Q.B.
bacche di ginepro
2 spicchi d’aglio
chiodi di garofano
pepe in grani
una bottiglia di ottimo vino rosso, noi abbiamo scelto il vino nobile di Montepulciano ricavato al 90% di uve S.Giovese, ma anche dei vini barriccati con le loro sfumature aromatiche di legno vanno molto bene.

Per la cottura:
1 bicchiere di brodo
40-50 g. di burro
2 cucchiai di olio EVO
1 cipolla
2 carote
2 gambi di sedano
100 g. di pancetta (anche affumicata) tagliata a striscioline

Preparazione:
Inseriamo la carne in un contenitore e aggiungiamo le verdure tagliate a tocchetti assieme agli aromi ed al vino che deve coprire la carne, quindi chiudiamo con un coperchio e lasciamo riposare per circa 12 ore in frigorifero.
Per la cottura tritiamo finemente le restanti verdure e in una padella antiaderente dopo aver inserito l’olio e il burro facciamo soffriggere le verdure tritate e la pancetta, inseriamo quindi a sigillare il pezzo di carne su entrambe i lati.
Spostiamo la carne in una pentola a pressione ed inseriamo il vino usato per la marinatura che abbiamo provveduto a filtrare, facciamo evaporare l’alcool e poi inseriamo sia le verdure del soffritto che quelle usate per la marinatura ad esclusione della cipolla con i chiodi di garofano e la cannella.
In pentola a pressione la cottura per questa pezzatura è di 1 ora, se viene fatta in pentola tradizionale con coperchio diventa di 90-120 minuti.
Ultimata la cottura per tagliare il brasato è necessario farlo raffreddare, nel frattempo quindi si tolgono i ramoscelli di rosmarino e l’alloro e con un frullatore ad immersione si passa tutto il sugo di cottura fino ad ottenere una salsa che all’inizio sarà piuttosto liquida ma con il raffreddarsi tenderà a diventare sempre più cremosa.
Per il taglio è necessario far attenzione alla direzione delle fibre muscolari e affettare perpendicolarmente e sottilmente, in questo modo saranno tenerissime e cosparse del sugo di cottura allieteranno sicuramente la giornata o la vostra serata autunnale.
Videoricetta di seguito.
Buon appetito da Mario e Fernanda

Be Sociable, Share!
Vota questa ricetta:
Brasato al vino rosso in pentola a pressione
  • 3.00 / 55

Tags:, , , , ,

I canali di basilicoeprezzemolo

Iscriviti alla Newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

5 risposte a “Brasato al vino rosso in pentola a pressione”

  1. 3 novembre 2011 a 10:35 #

    il brasato nella pentola a pressione riduce di molto ii tempi di cottura! non la uso mai per i secondi, in genere solo per le verdure! idea da cogliere al volo! ottimo brasato!

  2. lucreziab
    5 novembre 2011 a 23:32 #

    Molto molto invitante! Quanto all’impegno non è eccessivo . Condivido la quanttità che può essere congelata garantendo cena nelle serate che si ha la necessità di trovare pronto! Lo proverò sicuramente! Grazie! Riprendere a cucinare queste pietanze è una delle cose belle dell’autunno :-)
    Complimenti

  3. Francesco
    3 febbraio 2013 a 18:38 #

    Ottima ricetta, unico piccolo errore secondo me: quel forchettone per girare la carne che non va mai bucata!!Le membrane custodiscono la pregiatissima polpa, i liquidi che permettono alla carne di rimanere morbida e succosa, e tutte le sostanze nutritive….Meglio due cucchiai di legno!
    Per il resto complimenti!

  4. Fabrizio
    24 dicembre 2013 a 05:08 #

    Ciao,
    ma quando si passa la carne nella pentola a pressione nella stessa bisogna mettere qualcosa prima della carne? Tipo un po’ di acqua o olio?
    Grazie

  5. 26 dicembre 2013 a 18:59 #

    Ciao Fabrizio, innanzitutto tanti auguri di buone feste, nella pentola a pressione puoi inserire un filo d’olio ma non è indispensabile, la rosolatura infatti contiene già dei grassi e appena inserita la carne nella pentola a pressione si inserisce il vino di marinatura e poi il trito di verdure con la pancetta ;)

Lascia un commento

*