Pasta risottata ai funghi

Pasta risottata ai funghi. Un primo piatto squisito, preparato con la tecnica della risottatura che trasferisce tutti i sapori del condimento alla pasta la quale, inoltre, non disperde l’amido in acqua ma nel condimento conferendogli una consistenza molto cremosa. Ho usato un formato di pasta che ho conosciuto in Campania il Mischiato Delicato di Gragnano – Pasta di Gragnano IGP, formato da diversi tagli e spessori di pasta creati in modo da avere il medesimo tempo di cottura, perfetta in questo piatto.

Pasta risottata ai funghi

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di pasta di semola di grano duro
  • uno spicchio di aglio
  • 100 g di funghi freschi o surgelati
  • 2 cucchiai di panna
  • brodo vegetale
  • olio extravergine di oliva
  • prezzemolo
  • sale, pepe

Preparazione della pasta risottata ai funghi

In un padella antiaderente soffriggete lo spicchio d’aglio schiacciato, unite i funghi tagliati a pezzetti piccoli e cuocete a fuoco vivace per 10 minuti. Regolate di sale e pepe, poi frullate il tutto nel mixer con la panna.

Riportate la crema di funghi in padella ed aggiungete la pasta, mescolate e tostate leggermente, poi iniziate ad allungare con il brodo che avrete precedentemente portato a bollore.

Proseguite la cottura a fuoco lento, aggiungendo di tanto in tanto un cucchiaio di brodo, qualora il sugo si asciugasse. La consistenza deve essere sempre morbida e cremosa, quindi la cottura va proseguita lentamente e mescolando.

Terminate con abbondante parmigiano e prezzemolo tritato e servite subito.

Pasta risottata ai funghi

Aspetto le foto delle vostre realizzazioni sulla mia fanpage 🙂

In bocca al forno! ARYBLUE

Precedente Linguine cavolfiore e mortadella Successivo Pollo allo yogurt

Un commento su “Pasta risottata ai funghi

  1. maria il said:

    Ti ringrazio per la condivisione delle tue ricette e ne approfitto per augurarti un felice e sereno Natale e un nuovo Anno ricco di gioie e di soddisfazioni personali,un abbraccio maria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.