Insalata di sorgo con zucchine, pistacchi e pomodori secchi

Insalata di sorgo con zucchine, pistacchi e pomodori secchi. Fresca, leggera, nutriente e saziante, senza glutine, adatta a tutti, con le proprietà antiossidanti e protettive di curcuma, semi di canapa e pistacchi… un piatto davvero super !!

insalata di sorgo

 

Il sorgo è un cereale dalle origini millenarie proveniente dall’Africa equatoriale. Ricco di fibre, vitamine del gruppo B, sali minerali (ferro, calcio, potassio), vitamina E e polifenoli dalle proprietà antiossidanti, è facilmente digeribile e naturalmente privo di glutine e si adatta all’alimentazione di celiaci ed intolleranti al glutine. È doveroso, tuttavia, procedere all’ammollo (per 2-3 ore) e alla cottura in abbondante acqua per neutralizzare l’amigdalina, un glucoside precursore dell’acido cianidrico, tossico. Il contenuto in polifenoli, paragonabile a quello dei mirtilli e dieci volte superiore al succo di mela, ne fa un alimento dalle spiccate proprietà antinfiammatorie, a basso impatto glicemico e remineralizzante, consigliato negli stati di affaticamento e abbassamento delle difese immunitarie.

La curcuma è una pianta erbacea dal colore giallo-ocra originaria dell’India. Gli indiani ne conoscono i benefici da più di 5mila anni. Sin dall’antichità è conosciuta infatti non solo come spezia, ma anche come colorante e antinfiammatorio. Una delle proprietà più sorprendenti della curcuma è l’effetto antitumorale. La curcuma ha inoltre delle eccezionali qualità antiossidanti, perché in grado di trasformare i radicali liberi in sostanze innocue per il nostro organismo. Di conseguenza, è in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare. Oltre a combattere l’invecchiamento e l’insorgere di tumori, la curcuma ha notevoli proprietà cicatrizzanti, l’applicazione dei rizomi di curcuma su ferite, scottature, punture d’insetto e dermatiti dona sollievo immediato e velocizza il processo di guarigione. Per quanto riguarda le più importanti proprietà farmacologiche, vanno sicuramente menzionate quelle coleretiche-colagoghe, che favoriscono la produzione della bile e il suo naturale deflusso nell’intestino. Il consumo di curcuma migliora il funzionamento di stomaco e intestino e per di più aiuta a combattere il colesterolo, poiché facilita lo smaltimento dei grassi in eccesso. Questa erba è inoltre un vero toccasana per tutte quelle persone che hanno problemi di digestione (dispepsia), ma anche di meteorismo e flatulenza.

I pomodori secchi sono un vero e proprio concentrato di ferro, fosforo e carotenoidi! L’essicazione al sole è un metodo antico per rendere meno yin i pomodori, solanacee estive che vanno assunte con parsimonia (così come peperoni e melanzane per il contenuto in solanina e poliammine) meglio se cotte o appunto essiccate al sole 😀

Con un consumo moderato di pistacchi e di frutta secca possiamo apportare al nostro organismo acidi grassi benefici, proteine di origine vegetale e sali minerali. I pistacchi sono una fonte di sali minerali come calcio, ferro e magnesio, in quantità differente secondo la tipologia prescelta. Sono inoltre una fonte importante di antiossidanti e di polifenoli che aiutano a proteggere il nostro organismo dai radicali liberi e dai processi di invecchiamento precoce. Inoltre i pistacchi sono ricchi di vitamina E e di carotenoidi, sostanze che a parere degli esperti concorrono a mantenere l’integrità delle membrane cellulari delle mucose e della pelle, offrendo inoltre protezione contro l’azione dei radicali liberi. I pistacchi rappresentano una fonte di vitamine del gruppo B grazie all’alto contenuto di acido folico, riboflavina, tiamina, niacina, acido pantotenico (o vitamina B5) e vitamina B6. 100 grammi di pistacchi forniscono il 144% della quantità giornaliera raccomandata per quanto riguarda l’assunzione di rame, un minerale coinvolto nel metabolismo, nella sintesi dei globuli rossi e nel funzionamento dei neurotrasmettitori. Sono inoltre ricchi di fosforo, un minerale che contribuisce ad accrescere la tolleranza al glucosio. Per questo motivo la loro assunzione è stata valutata come una possibile alleata nella prevenzione del diabete di tipo 2. La presenza di due carotenoidi rari nella frutta secca rende i pistacchi un alimento utile per la protezione della vista e degli occhi dall’azione dei radicali liberi. In proposito il riferimento è al loro contenuto di luteina e zeaxantina, sostanze che sono state entrambe correlate alla riduzione del rischio di degenerazione maculare causata dall’avanzamento dell’età.

La canapa da cui si ricavano i semi edibili è una pianta erbacea della famiglia delle Cannabacee: la Cannabis Sativa utilizzata per produrre alimenti, oli, mangimi ed anche tessuti. La pianta destinata alla produzione dei semi a uso alimentare è la varietà nana, mentre la gigante è coltivata per l’industria tessile. È opportuno specificare che la canapa nota per le sue proprietà stupefacenti appartiene alla stessa famiglia dell’innocua sativa, ma appartiene alla specie Cannabis Indica, comunemente conosciuta come canapa indiana. I germogli, le foglie e i semi di questa specie contengono fitocannabinoidi psicoattivi che sono assenti nella sativa o nelle altre sottospecie. La principale caratteristica di questi semi, che dal punto di vista botanico sono in realtà i frutti della pianta, è l’abbondanza di proteine vegetali a elevato valore biologico, ossia ricche di tutti gli aminoacidi essenziali. Tre cucchiai da minestra di semi di canapa contengono 12 grammi di proteine. In più questi semi oleosi si potrebbero considerare un ottimo integratore di acidi grassi essenziali, omega 6 e omega 3, e più in generale di grassi insaturi: 100 g di semi apportano 35 g di grassi insaturi e 30 g di polinsaturi. Le fibre alimentari sono un altro nutriente molto abbondate in questo alimento: 100 g di semi, che sono poco più di 3 cucchiai, garantiscono già un terzo del fabbisogno quotidiano di fibre. I semi di canapa sono anche una buona fonte di sali minerali e vitamine: calcio, magnesio, zolfo, rame, potassio, fosforo, vitamina B1, vitamina B2, vitamina B6, vitamina D, vitamina E. Tutti questi benefici non devono indurre all’uso di questi semi senza la giusta considerazione dell’apporto calorico. Il loro sapore gradevole li rende anche utili ad arricchire semplici insalate di verdura, pasta o anche riso. Un cucchiaio di semi di canapa però aggiunge al piatto ben 100 kcal. Nell’ambito di una dieta sana e di una vita attiva non sono molto, ma è sempre corretto sostituire e non aggiungere un’ulteriore fonte energetica a un piatto. In pratica, se si aggiunge un cucchiaio di semi di canapa all’insalata sarebbe opportuno ridurre d’olio di condimento.

Ingredienti per 4 persone:

Preparazione dell’insalata di sorgo con zucchine, pistacchi e pomodori secchi

Iniziate mettendo in ammollo il sorgo per 3 ore. Sciacquatelo e cuocetelo in acqua in rapporto 1:3 ed un pizzico di sale marino integrale. (ammollo di circa 3 ore).
Tagliate le zucchine prima a rondelle poi a bastoncini piccoli e saltatele brevemente con olio ed una grattugiata  o piccoli pezzetti di curcuma.

Preparate i pomodori secchi ( scolateli ed asciuhateli bene se sono sott’olio oppue sciacquateli ed asciugateli se sono sotto sale) e tagliateli a listarelle sottili.

In una ciotola condite il sorgo con 1 cucchiaio di olio evo, unite le zucchine, i pomodori secchi, i pistacchi tritati ed i semi di canapa. A piacere unite erbette fresche e servite.

insalata di sorgo

Bibliografia:

  • “La grande via” Berrino-Fontana ed. Mondadori
  • “Medicina da mangiare” Berrino ed. La Grande Via
  • “Il cibo della gratitudine” AA. VV. ed. Terra Nuova
  • “L’apprendista macrobiotico” Dealma Franceschetti ed. Macro
  • “Il sale della vita” Pietro Leeman ed. Mondadori Electa
  • “Cucinare è un atto d’amore” Marco Bianchi ed. Harper
  • “Ventuno giorni per rinascere” Berrino-Lumera-Mariani ed. Mondadori
  • “Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita” Stefano Momentè ed. Il punto d’incontro
  • “The China Study” Colin & Thomas Campbell ed. Macro
  • “La dieta cinese dei sapori” Gabriele Piuri ed. LSWR

Per tornare alla HOME PAGE e cercare altre ricette. Se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette inserisci la tua email in SEGUI QUESTO BLOG.
Ti aspetto sulla pagina
Facebook ARYBLUE, risponderò personalmente a tutte le domande, oppure seguimi su Instagram, Twitter o Pinterest !
Grazie della visita e se ti va lascia un commento qui sotto 😀
Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Aryblue

Precedente Peperoni ripieni di miglio e tempeh Successivo Quadrotti alle carote e nocciole

Un commento su “Insalata di sorgo con zucchine, pistacchi e pomodori secchi

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.