Crostata consapevole di grano saraceno con composta di albicocche

Crostata consapevole di grano saraceno con composta di albicocche. Ecco la mia crostata estiva, vegan, colorata, vivace, ricca di benessere e soprattutto buonissima!

Il grano saraceno appartiene alla famiglia delle Polygonaceae e non a quella delle Graminacee, quindi non è un cereale e non contiene glutine. E’ inoltre ricco di magnesio, triptofano e ha un basso indice glicemico, ricchissimo in aminoacidi essenziali e polifenoli antiossidanti…un concentrato di benessere! Il farro lo conosciamo molto bene ormai, il grano antico più diffuso, ben tollerato dall’intestino.

Le composte sono alternative alle confetture, per legge prevedono una percentuale di zucchero inferiore al 35%. Producendo in casa la mia composta preferisco non usare affatto lo zucchero quindi, essendone prive, non possono essere conservate per lunghi periodi. Meglio è produrne in piccola quantità, conservarla in frigorifero e consumarla nel giro di pochi giorni.

La frutta oleosa la aggiungiamo come di consuetudine ai nostri dolci per tenere sotto controllo l’innalzamento della glicemia.

Ingredienti per uno stampo rettangolare da crostate:

  • 150 g di farina di di farro semintegrale
  • 100 g di farina di grano saraceno integrale
  • 50 g di zucchero integrale di canna
  • 60 g di acqua fredda
  • 60 g di olio di girasole alto oleico bio
  • 1 cucchiaino raso di lievito con cremor tartaro
  • la scorza di un limone non trattato
  • un pizzico di sale marino integrale
  • mandorle in lamella e nocciole tritate grossolanamente

Per la composta di albicocche:

  • 1 kg di albicocche bio
  • il succo di un limone bio
  • 2 bustine di agar-agar in polvere

Preparazione della crostata consapevole di grano saraceno con composta di albicocche

Verificate che lo zucchero sia piuttosto fine, in caso contrario frullatelo. Scioglietelo nell’acqua, unite l’olio, la scorza di limone grattugiata, il sale. Setacciate le farine con il lievito ed uniteli ai liquidi quindi mescolate bene fino a creare un impasto liscio, formate una palla, avvolgetela in pellicola e fate riposare per circa un’ora in frigorifero.

Nel frattempo lavate e denocciolate le albicocche, mettetele in pentola con il succo di limone e cuocete a fuoco basso e con coperchio per 15 minuti. Una volta cotte, aggiungete l’agar-agar, mescolate per non formare grumi e cuocete ancora per 10 minuti. Lasciate raffreddare la composta coperta con coperchio. Tenetene da parte 250 g per la crostata e versate il resto in un vasetto di pulito per conservarla in frigo per qualche giorno.

Stendete la frolla sulla spianatoia infarinata o tra due fogli di carta oleata, foderate lo stampo da crostata rettangolare oleato ed infarinato, bucherellate il fondo e pareggiate il bordo, poi farcite con la composta di albicocche.

Infine decorate con strisce di impasto avanzato, con la granella di nocciole e con le mandorle in lamella.

Cuocete a 180°C per 30 minuti. Prima di sformare dallo stampo lasciate raffreddare completamente.

Crostata consapevole di grano saraceno con composta di albicocche

Per tornare alla HOME PAGE e cercare altre ricette. Se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette inserisci la tua email in SEGUI QUESTO BLOG.

Ti aspetto sulla pagina Facebook ARYBLUE, o nel gruppo su Fbrisponderò personalmente a tutte le domande, oppure seguimi su Instagram, Twitter o Pinterest !

Grazie della visita e se ti va lascia un commento qui sotto 😀

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Aryblue

Bibliografia:

  • “La grande via” Berrino-Fontana ed. Mondadori
  • “Medicina da mangiare” Berrino ed. La Grande Via 
  • “Il cibo della gratitudine” AA. VV. ed. Terra Nuova
  • “L’apprendista macrobiotico” Dealma Franceschetti ed. Macro
  • “Il sale della vita” Pietro Leeman ed. Mondadori Electa
  • “Cucinare è un atto d’amore” Marco Bianchi ed. Harper
  • “Ventuno giorni per rinascere” Berrino-Lumera-Mariani ed. Mondadori
  • “Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita” Stefano Momentè ed. Il punto d’incontro 
  • “The China Study” Colin & Thomas Campbell ed. Macro
  • “La dieta cinese dei sapori” Gabriele Piuri ed. LSWR
  • “I magnifici 20 e le ricette” Marco Bianchi ed. Ponte alle Grazie
  • “Il potere curativo del digiuno” Raffaele e Michael Morelli ed. Mondadori
  • “La felicità ha il sapore della salute” Luigi Fontana ed. Slow Food
  • “Pasta Madre” Riccardo Astolfi ed. Guido Tommasi
  • “Pasta madre, pane nuovo, grani antichi” Antonella Scialdone ed Agricole
  • “La Dieta della Longevità” Valter Longo ed. Vallardi
  • “Alla Tavola della Longevità” Valter Longo ed. Vallardi
  • “La via della leggerezza” Berrino – Lumera ed. Mondadori
Precedente Insalata di grano Cappelli con verdure estive e pesto di rucola Successivo Tempeh saltato in salsa Tamari alla mediterranea

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.