Ciambella romagnola o brazadela

Ciambella romagnola o brazadela. Che non ha la forma di una ciambella, ma di un filoncino e che, come tutte le ricette regionali e tradizionali in genere, ha infinite varianti tante quante sono le famiglie, i panifici, le pasticcerie e le persone che si tramandano la ricetta da generazioni. Pensate poi che se questa è la Brazadela in Romagna, in Polesine dove sono nata io, lo stesso nome è invece usato per una torta bassa ed umida di mele ed uvetta… infinite e meravigliose tradizioni del nostro territorio 🙂  La caratteristica di base della ciambella romagnola è la morbidezza interna ed il sapore semplice, la possiamo arricchire di mascarpone, ricotta, nocciole, liquore, profumo d’arancia … con quel che più vi piace, è buona in ogni caso!

Ciambella romagnola o brazadela

Ingredienti per 2 filoncini: 

  • 500 g di farina 00 o farina debole macinata a pietra
  • 250 g di zucchero semolato
  • 100 g di burro
  • 3 uova
  • 250 g di mascarpone ( o ricotta oppure 150-200 ml di latte intero)
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina scarsa di lievito per dolci
  • zucchero in granella per la superficie

A piacere:

  • 100 g di nocciole tostate o mandorle tostate,
  • 20 ml di liquore all’anice o sambuca

Preparazione della ciambella romagnola

Nella ciotola della planetaria rompete le uova e sbattetele leggermente con la frusta, aggiungete lo zucchero e formate un composto spumoso lavorando qualche minuto. Non serve montare a lungo come per il pan di spagna, basta che sia solo una spuma leggera.

Tagliate la bacca di vaniglia e unite i semi al composto, lavorate con il gancio a foglia ed unite il mascarpone o la ricotta, il sale ed il burro ammorbidito. Infine setacciate la farina col lievito e versateli a pioggia nella ciotola continuando a lavorare. Se il composto dovesse risultare troppo duro, unite latte intero a cucchiai poco per volta fino a consistenza morbida, ma malleabile in modo da poter realizzare dei filoncini.

Potete a questo punto unire all’impasto gli ingredienti che più vi piacciono.

Ora dividete l’impasto in due porzioni sulla teglia rivestita di carta forno e dategli la forma di due filoncini, spolverate con zucchero in granella facendolo aderire alla superficie schiacciandolo leggermente con le mani, poi infornate a 180°C per 30 minuti circa. Una volta cotte, lasciate raffreddare le ciambelle su una gratella.

Ciambella romagnola o brazadela

E’ squisita gustata appena sfornata a colazione, morbida e profumata, ma c’è una cosa che adoro fare e che la rende per me irresistibile. Una volta raffreddata, taglio tutta la ciambella a fettine che dispongo ordinatamente sulla teglia e tosto in forno a 200°C per 12-15 minuti, fino a quando toccandoli al centro si sente che sono induriti un poco. Ed ecco dei biscottoni straordinari da inzuppare nel marsala …. mamma che buoni !

Ciambella romagnola o brazadela

La ciambella romagnola si conserva per molti giorni in credenza avvolta con un canovaccio, i biscottoni si conservano ancora più a lungo in scatola di latta… ma non dureranno granché credetemi 🙂

Ciambella romagnola o brazadela

Aspetto le foto delle vostre realizzazioni sulla mia fanpage 🙂

In bocca al forno! ARYBLUE

Precedente Melanzane ripiene con prosciutto e tacchino Successivo Torta di mele e uvetta di Don Licio

3 commenti su “Ciambella romagnola o brazadela

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.