Carciofi al Pomodoro con Aglio

Carciofi al Pomodoro con Aglio. Oggi desidero occuparmi di questo ortaggio di stagione che trovo particolarmente gustoso ed affascinante e che cucinerò molto semplicemente in pentola, con una buona dose di Aglio Polesano!

Carciofi al Pomodoro con Aglio

Per questa ricetta ho scelto la qualità Romana, tondo e senza spine, gustosissimo! Chiamato anche “cimarolo” o “mammola”, il carciofo romanesco è considerato il re dell’orto. Tipica zona di coltivazione è il litorale laziale in particolare Ladispoli e Cerveteri. Di forma sferica, molto compatto, un po’ schiacciato,  con caratteristico foro all’apice. Le dimensioni sono grandi, il colore va dal verde a violetto e le brattee esterne presentano sfumature color violetto. L’apice è arrotondato. È privo di spine, dolce e gradevole al palato.  Due le cultivar che attualmente vengono prodotte nel litorale di Ladispoli e Cerveteri: la “Castellammare”,  precoce (inizio gennaio) e la “Campagnano”, tardiva (inizio marzo). La zona di produzione comprende anche alcuni comuni di Latina e Viterbo. La raccolta avviene manualmente. Inizia a gennaio per protrarsi fino a maggio. Le proprietà del carciofo, depurative e protettive del fegato, sono note a tutti ed è perciò salutare, oltre che gustoso, cercare di consumarlo quando appunto è di stagione in modo da sfruttare appieno tutti i suoi benefici.

I carciofi sono una fonte preziosa di potassio e sali di ferro. Contengono un principio attivo, la cinarina, che favorisce la diuresi e la secrezione biliare. Di solito se ne mangiano il fiore e le brattee, dopo aver eliminato quelle esterne, più dure. Protettori indiscussi del fegato, i carciofi provocano un aumento del flusso biliare e sono molto indicati nella dieta dei diabetici. L’infuso preparato con le foglie di carciofo, cui possono essere associate altre erbe, è davvero miracoloso dal punto di vista di stimolazione della diuresi ed eliminazione delle tossine: il sapore è molto amaro, ma il beneficio è assicurato. I carciofi sono anche tra gli alimenti con il più alto contenuto di fibre, utili quindi per la regolarità intestinale. Il carciofo è un alimento che ha effetto positivo anche sul sistema cardiocircolatorio, in quanto si tratta di un alimento ipocolesterolemizzante.

L’Aglio bianco polesano DOP  si distingue per la sua forma regolare e compatta, il colore bianco lucente, il profumo delicato e l’aroma intenso, non pungente, ma molto persistente e grandi doti di conservabilità. A renderlo speciale è il terreno alluvionale ricco di calcio, magnesio, fosforo e potassio, sono le condizioni climatiche, ma anche il fattore umano, fatto di esperienza tramandata di padre in figlio. Ma a rendere unico l’aglio polesano sono le sue straordinarie caratteristiche nutrizionali: uno studio commissionato dal Consorzio di tutela all’Università di Padova  ha evidenziato che, rispetto all’aglio estero, il prodotto polesano DOP presenta un contenuto maggiore di sostanza secca , indice di migliore conservabilità, e caratteristiche nutrizionali nettamente superiori. Una sorta di farmaco domestico, come lo ha definito Carlo Nicoletto, del Dafnae (Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti, Risorse Naturali e Ambiente) dell’Università di Padova. L’aglio è una delle piante medicinali considerate da sempre indispensabili, poiché dotata di infinite proprietà salutari. I composti solforati contenuti nell’aglio sono responsabili della formazione del tipico odore, in particolare l’allicina, che ha proprietà antibatteriche. Ottimo per la prevenzione di influenza, malattie cutanee, raffreddori e infallibile disinfettante per l’intestino. Uno spicchio d’aglio è serbatoio di principi attivi curativi di notevole efficacia come la già citata allicina, zolfo, vitamine del gruppo B. Ha proprietà antielmintiche contro gli ascaridi e gli ossiuri, mucolitiche, ipotensive, espettoranti, digestive, carminative, antisettiche, ipoglicemizzanti. È stato ormai ampiamente dimostrato il ruolo di questa pianta nella regolarizzazione della colesterolemia e dei trigliceridi e nel miglioramento del rapporto tra colesterolo LDL e colesterolo HDL. Può essere utile nelle infezioni croniche causate dalla Candida albicans e in quelle dell’apparato respiratorio. Infine possiede una spiccata azione positiva sulla circolazione in generale.

Carciofi al Pomodoro con Aglio

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 carciofi romani di dimensioni simili
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • 2 spicchi d’aglio polesano
  • 2 cucchiai di pangrattato semintegrale
  • il succo di mezzo limone
  • olio extravergine di oliva
  • 2 bicchieri di passato di pomodoro
  • 1 presa di sale marino integrale

Preparazione dei Carciofi al Pomodoro con Aglio:

Pulite i carciofi molto bene, eliminando le foglie più esterne, tagliando la punta delle foglie (se desiderate avere una forma più regolare e meno scarto) ed il gambo. Scavate internamente eliminando la parte con le spinette. Pulite anche i gambi eliminando con il pelapatate la parte più esterna. Mettete man mano i carciofi puliti ed i gambi in una bacinella con acqua ed il mezzo limone spremuto per evitare che anneriscano.

Preparate il trito di prezzemolo, aglio, pangrattato, sale. Prendete un carciofo, asciugatelo un po’ con carta assorbente e riempite la cavità centrale con il trito. Fate lo stesso con gli altri carciofi.

Scaldate in un ampio tegame un filo d’olio, aggiungete il passato di pomodoro e due cucchiai di acqua. Portate a bollore poi inserite i carciofi ed i gambi. Aggiungete ancora un dito di acqua calda. Coprite e lasciate cuocere per 20 minuti circa. A metà cottura girate i carciofi delicatamente a testa in giù e lasciateli cuocere per qualche minuto, poi rigirate nuovamente e con il cucchiaio versare un poco di sugo sopra i carciofi e dentro la cavità.

Verificate la cottura sentendo con la forchetta la morbidezza del fondo del carciofo. Serviteli molto caldi, si gustano sfogliandoli lentamente.

Carciofi al Pomodoro con Aglio

I gambi di carciofo sono buonissimi cotti in questo modo, ma potete anche utilizzarli insieme alle foglie di scarto per un salutare e gustoso Risotto integrale (QUI la ricetta! )

Risotto Integrale con le foglie di scarto dei carciofi.

Per tornare alla HOME PAGE e cercare altre ricette. Se vuoi essere sempre aggiornato sulle mie ricette inserisci la tua email in SEGUI QUESTO BLOG.
Ti aspetto sulla pagina
Facebook ARYBLUE, risponderò personalmente a tutte le domande, oppure seguimi su Instagram, Twitter o Pinterest !
Grazie della visita e se ti va lascia un commento qui sotto 😀
Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Aryblue

Bibliografia:

  • “La grande via” Berrino-Fontana ed. Mondadori
  • “Medicina da mangiare” Berrino ed. La Grande Via
  • “Il cibo della gratitudine” AA. VV. ed. Terra Nuova
  • “L’apprendista macrobiotico” Dealma Franceschetti ed. Macro
  • “Il sale della vita” Pietro Leeman ed. Mondadori Electa
  • “Cucinare è un atto d’amore” Marco Bianchi ed. Harper
  • “Ventuno giorni per rinascere” Berrino-Lumera-Mariani ed. Mondadori
  • “Ciò che non sai sul cibo e che potrebbe salvarti la vita” Stefano Momentè ed. Il punto d’incontro
  • “The China Study” Colin & Thomas Campbell ed. Macro
  • “La dieta cinese dei sapori” Gabriele Piuri ed. LSWR
  • “I magnifici 20 e le ricette” Marco Bianchi ed. Ponte alle Grazie
  • “Il potere curativo del digiuno” Raffaele e Michael Morelli ed. Mondadori
  • “La felicità ha il sapore della salute” Luigi Fontana ed. Slow Food
  • “Pasta Madre” Riccardo Astolfi ed. Guido Tommasi
  • “Pasta madre, pane nuovo, grani antichi” Antonella Scialdone ed Agricole
  • “La Dieta della Longevità” Valter Longo ed. Vallardi
  • “Alla Tavola della Longevità” Valter Longo ed. Vallardi

Precedente Pandolce al Miele di Suor Germana Successivo Risotto con Gambo di Carciofo

2 commenti su “Carciofi al Pomodoro con Aglio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.