Brutti ma buoni!

Brutti ma buoni

Lo si può affermare con certezza: l’estate è proprio arrivata! Devo dire che, rispetto all’anno scorso il caldo è stato più sopportabile, almeno per quanto mi riguarda. Ma negli ultimi due o tre giorni  la calura ha cominciato a farsi sentire; ciò nonostante, non mi sono fatta intimorire e la cena di stasera  è stata pizza marinara e con i peperoni,  e patate al forno. Poteva mancare un dolcetto?? Ci vuole un po’ di pazienza per farli, ma il risultato è ottimo! Non voglio togliere lavoro alle pasticcerie, ma con prodotti di qualità come quelli che ho usato io, il risultato è lo stesso e si risparmia molto! E poi, vuoi mettere la soddisfazione di averli fatti da sè???
Brutti ma buoni
Passo alla preparazione, ringraziando la mia amica Claudia 
per avermi suggerito la ricetta, fatta di pochi ma buoni ingredienti.
Brutti ma buoni

Cosa serve per la ricetta:

  • 125 g di albumi
  •  250 g di zucchero Eridania
  •  250 g di nocciole tostate e tritate Eurocompany
 

Come preparare i brutti ma buoni:

Dopo che abbiamo tostato e tritato grossolanamente le nocciole e messe a raffreddare,in  una terrina di vetro pulita bene, montare a neve fermissima gli albumi con lo zuchero  (se capovolgete la terrina, non deve colare). Prendere una padella a fondo alto e versarci gli albumi, le nocciole e  fate cuocere a fuoco basso,  mescolando lentamente con un mestolo di legno  e senza far attaccare (attenzione a questo passaggio!); ci vorranno 15 – 20 minuti o comunque fin quando l’impasto si rassodi un po’. A questo punto fare dei mucchietti, avvalendosi dell’aiuto di due cucchiaini e poggiarli su una teglia rivestita da carta da forno. Cuocere in forno a 150° per circa 30-40 con lo sportello a fessura.
I brutti ma buoni possono essere fatti anche al cioccolato, oppure si possono sostituire le nocciole con altra frutta secca; la ricetta di base è sempre la stessa e potete arricchirla a vostro piacimento!Saranno sempre buonissimi! Provare per credere!!A presto!! 

 

 
 
 
 

 

Commenti

Commenti

14 thoughts on “Brutti ma buoni!

  1. Una ricetta della tradizione che ha sempre il suo fascino! Non ho mai provato a farli io ma, letta la tua ricetta, come sempre dettagliata e ben esposta, sono proprio tentata dal provarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.