Storia di una colomba pasquale

Print Friendly, PDF & Email

 

 

colomba pasquale a pancia piena

 

colomba pasquale a pancia piena

 

Bentrovati amici, siamo arrivati alla vigilia di Pasqua e finalmente riesco a postare la ricetta della Colomba pasquale, dico finalmente perchè giungere a questo post per me è stato davvero faticoso, questa è la quarta volta che realizzo questo magnifico dolce ma ogni volta c’era un impedimento che mi portava a non pubblicare la ricetta…penserete che ho dovuto provare tante volte perchè probabilmente non mi riusciva bene, ed invece no! La colomba mi è venuta perfetta sin dalla prima volta (tranne qualche piccola sbavatura sistemata in corso d’opera…), il punto è che puntualmente, quando mi accingevo a fotografare, scoprivo che la colomba era già stata divorata per più della metà da “bocche ignote”, il tutto dopo qualche ora che era stata sfornata, immaginate la mia frustrazione, avevo la ricetta del dolce pasquale per eccellenza e non potevo proporla sul mio blog…Ieri ho preso la situazione di petto, ho imposto a tutta la famiglia di non toccare il dolce e diciamo che ieri sera , nonostante il profumo, si sono comportati bene ma questa mattina al mio risveglio mio marito ha cominciato a dire “Ma un pezzettino di colomba posso prenderlo?” ed io ancora mezzo addormentata “Lascia che devo ancora scattare….” e lui ” E dai…tanto non si vede se ne tolgo un pezzo, magari la “testa” “, devo dire che mi ha corrotto, nemmeno io ho resistito alla tentazione, l’abbiamo “decapitata” con mia grande disperazione (post colazione of course…), tuttavia sono riuscita a fotografarla, come vedete la parte mancante è stata debitamente nascosta, diciamo che sono stata brava, questo è un piccolo segreto fra noi, mi raccomando, acqua in bocca!!!

Adesso mettiamoci al lavoro, prima di darvi l’elenco degli ingredienti devo chiarire alcuni punti fondamentali:

  • la lavorazione della colomba comporta che ci si ritagli una giornata di calma e tranquillità, dico questo perchè non è uno dei soliti dolci veloci, ci sono dei tempi che vanno rispettati alla lettera
  • per fare un buona colomba è necessaria la planetaria o tanto “olio di gomito”, ho provato a realizzarla con il bimby ma il risultato è tutta un’altra cosa
  • rispettate i tempi di lievitazione, sono fondamentali per la buona riuscita della colomba
  • l’incordatura dell’impasto è fondamentale, chi possiede una planetaria sa di cosa parlo, l’impasto deve essere lavorato con il gancio fino a quando non si “attorciglia” lasciando praticamente vuota la ciotola (vedi foto sotto)

colomba pasquale a pancia piena incordatura be funky

  • Ultimo punto: non vi scoraggiate, se ce l’ho fatta io potete farcela anche voi, io ho preso questa ricetta dal blog della mia amica Nadina: Pasticciando con Magica Nanà , ho apportato alcune modifiche ma devo a lei se mi sono lanciata in questa bellissima avventura.

Siete pronti? Partiamo!

Ingredienti:

(Per questa colomba è necessario uno stampo da 1 Kg.)

 

Primo impasto

  • 40 gr. di farina manitoba
  • 12 gr, di lievito di birra fresco oppure 4 gr. di  lievito di birra in polvere
  • 40 ml. di latte appena tiepido

Secondo impasto

  • primo impasto
  • 130 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 100 gr. di farina manitoba

Terzo impasto

  • secondo impasto
  • 20 gr. di zucchero
  • 100 gr. di farina manitoba
  • 20 gr. di burro morbido

Quarto impasto

  • terzo impasto
  • 210 gr. di farina 00
  • 2 uova
  • 120 gr. di zucchero
  • 80 gr. di burro morbido
  • 5 gr. di sale
  • 2 bustine di vanillina
  • gocce di cioccolato oppure canditi e uvetta

Glassatura

  • 10 gr. di mandorle spellate
  • 1 albume
  • 75 gr. di zucchero

Decorazione

  • mandorle intere
  • granella di zucchero

 

Procedimento:

Procedere con la preparazione del primo impasto che va fatto a mano, mettere nella ciotola della planetaria il latte appena tiepido e sciogliervi con l’aiuto di una spatola il lievito.

Aggiungere la farina e mescolare fino ad amalgamare per bene tutti gli ingredienti.

Sigillare con carta trasparente e mettere in fono spento con luce accesa per un’ora circa (deve raddoppiare di volume).

Trascorso il tempo indicato preparare il secondo impasto, nella ciotola dove abbiamo messo a lievitare il primo impasto, aggiungere l’acqua a temperatura ambiente e la farina manitoba, lavorare sempre con l’aiuto di una spatola fino ad amalgamare tutti gli ingredienti in modo omogeneo e far riposare sigillando nuovamente con pellicola trasparente in forno spento con luce accesa per un’ora circa, fino al raddoppio.

Per il terzo impasto sistemare la ciotola nella planetaria e mettere in movimento a velocità minima per sgonfiare il composto, aggiungere lo zucchero, la farina in maniera graduale e il burro in tanti piccoli pezzi che verranno assorbiti man  mano che l’impasto viene lavorato, impastare a media velocità ed aumentare gradualmente fino a quando l’impasto si incorda al gancio, in questo modo avremo la certezza che la lavorazione è perfetta.

Mettere a riposare sigillato con pellicola in forno per almeno un’ora, fino al raddoppio.

Il quarto impasto è l’ultimo, quindi rimettere la ciotola nella planetaria e azionarla a velocità minima per sgonfiare un pò l’impasto, aggiungere prima le uova, una alla volta, quando si è amalgamata la prima aggiungere la seconda, inizialmente l’impasto sembrerà acquoso ma prenderà forma con lo zucchero e la farina che dovranno essere aggiunti gradualmente.

Infine aggiungere la vanillina e il burro in piccoli pezzi, aggiungetelo a poco a poco, quando si amalgamano i pezzi inseriti aggiungere gli altri.

Lavorare il composto per almeno mezz’ora, vedrete che piano piano cambierà consistenza e colore, diventerà più chiaro e molto più elastico, deve incordarsi perfettamente la gancio.

Giunti a questo punto aggiungete le gocce di cioccolato o i canditi con l’uvetta e azionare la planetaria a velocità minima il tempo che vengano accorpati all’impasto.

Rimettere in forno a lievitare chiuso con pellicola per un’altra ora.

Trascorso il tempo indicato, togliere l’impasto dalla ciotola e metterlo su di un piano di lavoro infarinato.

Lavorare il composto delicatamente per sgonfiarlo e dividerlo in tre parti, una più grande (il “corpo” della colomba) e due più piccole (le ali).

Lavorare la parte più grande e formare un grosso cilindro che dovrà essere più bombato nella parte centrale, in questo modo eviterete che la colomba si “sgonfi” nella parte centrale dopo la cottura.

Sistemarlo nello stampo e aggiungere le due parti che fungeranno da ali negli spazi laterali.

Mettere in forno a lievitare per tre ore circa, deve raggiungere il bordo dello stampo come mostrato in foto…

http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina/

 

A questo punto preparare la glassa, cosa che io ritenevo difficilissima ma che in realtà è di una semplicità estrema: metter in un frullatore le mandorle con lo zucchero e frullare alla massima velocità, si deve ottenere una farina. Aggiungere l’albume e frullare nuovamente,  la glassa è pronta!

Distribuirla uniformemente sulla colomba con una sac a poche lasciando un centimetro circa di spazio vuoto dal bordo, dovete sapere che la glassa in cottura “cresce”, la prima volta mi sono ritrovata una colomba invasa dalla glassa, non si vedeva nemmeno lo stampo…

In seguito aggiungete le mandorle e la granella di zucchero, ecco come ho fatto io…

colomba pasquale pancia piena glassatura

 

Infornare in forno preriscaldato ad una temperatura di 160° per 40 minuti circa, a metà cottura, quando la colomba è completamente dorata, coprirla con un foglio di alluminio fino a completa cottura che verificherete facendo la famosa “prova stecchino”, anche se in questo caso ci vuole il coltello…

Una volta cotta, togliere la colomba dal forno con la grata sulla quale è stata cotta e far raffreddare  per almeno tre ore.

Gustate in tutta la sua bontà e complimentatevi con voi stessi per essere riusciti nel fare uno dei lievitati più difficili… 🙂

Colgo l’occasione per augurarvi una buona Pasqua amici, trascorrete questi giorni di feste con le persone che più amate, quelle che vi fanno stare veramente bene, al diavolo dispiaceri e preoccupazioni cercate di dedicarvi solo e soltanto a voi stessi e siate felici!!!

 

 

 

 

Precedente Pastiera napoletana (ricetta tradizionale e bimby) Successivo Dado vegetale (ricetta tradizionale e bimby)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.