Pril: massimi risultati con minimi consumi

Print Friendly, PDF & Email

pril

Oggi vi parlo di uno degli elettrodomestici che amo di più: la lavastoviglie e di come sia riuscita ad ottenerne i massimi risultati risparmiando notevolmente in termini di consumi energetici.

Purtroppo lavare i piatti non è mai stata la mia passione e quindi ho sin da subito instaurato un rapporto “molto intimo” con la mia amatissima lavastoviglie, lei riceve i piatti di un’intera giornata di “preparazioni” costituite da colazioni variegate, pranzi e cene “quadrupli” dato che il più delle volte “ciò che piace a me non piace a te” e viceversa, e preparazioni “extrapasto”, tipo torte e dolci vari che allietano le mie giornate.

Il problema maggiore era proprio il consumo energetico, nonostante la mia lavastoviglie fosse azionata di sera il consumo era sempre notevole, in quanto il “grosso carico” mi portava a selezionare programmi ad alte temperature che duravano per un lungo periodo di tempo (2 ore abbondanti).

Da quando ho scoperto il detersivo PRIL tutto questo è ormai un ricordo lontano, le mie stoviglie non sono mai state così brillanti e perfettamente pulite come adesso; l’azione di questo detersivo non è basata solo su una funzione “detergente”, è anche “brillantante”, “salvavetro”, “splendi-acciaio”, ha persino “la funzione del sale”, inoltre si ha un notevole risparmio energetico in quanto si riescono ad ottenere questi risultati con lavaggi brevi e a basse temperature infatti Pril agisce efficacemente già a 40°.

Se volete capire come sfruttare al meglio le possibilità della vostra lavastoviglie vi consiglio vivamente l’Econometro , uno strumento che, in base al tipo di carico che quotidianamente si effettua, al tipo di lavaggio, alla frequenza con la quale laviamo, calcola in tempo reale i nostri consumi e spiega in che modo potremmo migliorare le prestazioni della nostra lavastoviglie risparmiando.

Cosa si potrebbe desiderare di più?  Pril è un prodotto davvero completo, la mia lavastoviglie ormai “prilliana” non può più farne a meno,  provate e ditemi se non ho ragione!

 

Precedente Rotolo con nutella e mascarpone (ricetta di natale) Successivo Orecchiette con le cime di rape (ricetta pugliese)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.