Pizza al taglio (ricetta tradizionale e bimby)

Print Friendly, PDF & Email

pizza al taglio a pancia piena

 

Buongiorno, finalmente sabato e cosa c’è di meglio di una bella pizza al taglio per rendere perfetta una serata in totale relax con gli amici? Perchè pizza al taglio? Perchè è buona come la pizza a tranci che si compra nelle rosticcerie e soprattutto perchè non c’è bisogno del fornetto specifico per pizza ma può essere cotta tranquillamente in forno!

La storia di questa ricetta è molto particolare, mia suocera usa questo impasto per molti dei suoi lievitati ma ogni ingrediente viene pesato “a occhio”, un’altra amante di questo genere, mia nipote Serena (più che una nipote è una sorella/ figlia), ha preso la ricetta ed è riuscita a fornirmi le dosi esatte (o quasi), io ho provato, adattato, aggiunto e tolto e alla fine è nata lei, una pizza a prova di figlie, le stesse che mi dicevano: “Se non è della pizzeria non è pizza!” oppure  “La mangio ma non è la stessa cosa….”, adesso mi chiedono di prepararla anche in settimana e in occasione di feste e compleanni con i loro amici (altri giudici impietosi), insomma questa “pizza in collaborazione” piace proprio a tutti e il giorno dopo è ancora più buona, preparate tutti gli ingredienti e seguitemi, stasera mangerete un’ottima pizza al taglio!

 

Ingredienti:

  • 500 g. di farina 00
  • 150 di semola di grano duro
  • 400 g. di acqua (io peso anche i liquidi con la bilancia per comodità!)
  • 20 g. di sale fino
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1/2 cubetto di lievito di birra (quello fresco del banco frigo, per intenderci…)
  • olio evo (4 cucchiai circa)
  • 1 scamorza grande
  • salsa di pomodoro

Procedimento:

Prima di iniziare devo precisare che la quantità di acqua da aggiungere è indicata orientativamente, va dai 300 ai 350 grammi perchè in base al tipo di farina utilizzato l’acqua viene assorbita in modo differente, ho allegato la foto di come l’impasto dovrebbe essere alla fine, “molle” ma non troppo, se avete dubbi potete chiedere tranquillamente in fondo al post…

Iniziamo…

Far sciogliere il lievito in 100 g. di acqua tiepida con il cucchiaino di zucchero.

Mescolare le due farine e metterle a fontana su di una spianatoia, aggiungere tutti gli ingredienti ed impastare.

Per chi ha un’impastatrice mettere acqua, lievito e zucchero, aggiungere la farina ed infine il sale ed impastare con il gancio.

L’impasto che otterrete è molto “molle”, come nella foto qui sotto…

pizza al taglio a pancia piena impasto.

 

A questo punto mettere l’impasto in un recipiente, chiuderlo con un panno e metterlo a lievitare fino al raddoppio in un posto dove non ci siano correnti d’aria, io lo metto sempre nel forno spento con la luce accesa.

Questo è l’impasto subito dopo la lievitazione è molle ma elastico.

pizza al taglio  a pancia piena impasto

Prendere l’impasto e distribuirlo in una teglia da forno bassa e larga dove vi avremo messo dell’olio d’oliva, con queste dosi io riesco a fare due pizze mettendole in due teglie rispettivamente di 40 cm. e 30 cm., molto importante è stendere l’impasto in uno strato sottile, in questo modo avrete l’ “effetto pizza”.

Prima di lavorare l’impasto ungersi le mani con l’olio, in questo modo riusciremo a lavorare meglio senza che il composto si appiccichi e, allo stesso tempo, ungeremo per bene tutta la superficie della pizza (cosa molto importante per conferirle la giusta croccantezza).

_pizza al taglio a pancia piena

A questo punto aggiungere la salsa e la scamorza a dadini, (se la frullate sarà più facile metterla sulla pizza).

pizza al taglio a pancia pienapizza al taglio a pancia piena mozzarella I

Infornare in forno preriscaldato statico alla massima temperatura, in questo caso la pizza deve quasi essere “aggredita” dal calore, e far cuocere fino a completa doratura.

Ecco come si presenta dopo averla tagliata…

pizza al taglio a pancia piena

 

…altra angolazione

pizza al taglio a pancia piena dettaglio

 

Versione Bimby:

Mettere nel boccale acqua, lievito e zucchero, aggiungere le farine e infine il sale, Velocità 6, 20 secondi, Velocità Spiga 3 minuti.

Togliere l’impasto dal boccale e metterlo a lievitare in un luogo riparato lontano da correnti fino al raddoppio, in seguito procedere come indicato sopra.

 

 

Precedente Biscotti friabili (pasta frolla senza uova, ricetta tradizionale e bimby) Successivo Cheesecake alla nutella (preparazione tradizionale e bimby)

9 commenti su “Pizza al taglio (ricetta tradizionale e bimby)

  1. Annalisa il said:

    cara Monica nel procedimento bimby gli ingredienti vanno messi tutti assieme? il lievito non va sciolto con l’acqua e lo zucchero come nel procedimento tradizionale? grazie

    • apanciapiena il said:

      Ciao Annalisa, che piacere ritrovarti!
      Dunque, metti gli ingredienti seguendo l’ordine che ho indicato e procedi,utilizzando il bimby non c’è bisogno di sciogliere prima il lievito…
      Un bacione ai bimbi e un grande abbraccio a te!!! 😀

      • Annalisa il said:

        mi hai riconosciuto subito nonostante ti abbia dato del lei 😉 un bacione e la proverò al più presto! bacione a tutti voi

  2. Gillo il said:

    Se per 600 gr di impasto usi 1cubetto di lievito 25gr le panze di chi la mangia esploderanno per acidita’ calcola che la quantita’ giusta per 1 kg di impasto non supera 1 gr di lievito e 10 h di lievitazione

    • apanciapiena il said:

      Ciao Gillo, comprendo il tuo punto di vista ma non tutti hanno il tempo di far lievitare una pizza per ben 10 ore, purtroppo ognuno di noi è preso da mille impegni che impediscono di operare in questo modo, ad ogni modo ti ringrazio per il suggerimento.

      Monica

    • apanciapiena il said:

      Ciao Riccardo, l’olio d’oliva serve solo per ungere la teglia e le mani, tu metti l’olio nella teglia, lo distribuisci e ti ungi leggermente le mani, in seguito metti l’impasto nella teglia e lo lavori come in foto. Spero che la mia ricetta ti piaccia, fammi sapere come ti viene, a presto!

  3. Riccardo il said:

    Non sapendo quanto ci metteva a doppiare di volume ho preparato l’impasto alle 13, L’olio l’avevo già messo nell’impasto, dopo cinque ore li lievitazione con la temperatura della stanza di 24 gradi finalmente era pronta è uscita leggermente salata forse perchè ho messo anche il sale nel sugo (o forse ne ho messo troppo) ma in linea di massima di gusto era buona. Saluti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.