Pettole (ricetta pugliese di natale)

Print Friendly, PDF & Email

 

pettole (ricetta pugliese)a pancia piena blog

Bentrovati amici, oggi vi propongo un’altra ricetta tipica della mia terra, le pettole, delle deliziose frittelle che si preparano nel periodo dell’avvento; ottime al naturale ma anche cosparse di zucchero faranno la felicità dei vostri commensali nei giorni di festa.

Ingredienti:

  • 500 g. di farina 00
  • 400 g. di acqua
  • 15 g. di sale
  • un cucchiaino di zucchero
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • Olio di semi di arachidi per friggere

Preparazione:

Premetto che per la preparazione dell’impasto ci sono due possibilità: o bisogna essere delle impastatrici provette (non è il mio caso), oppure è importante avere un piccolo robot da cucina che impasti per voi, il trucco della perfetta riuscita delle pettole è proprio nella loro preparazione.

Prendere una capiente coppa e mescolare tutti gli ingredienti con acqua appena tiepida, il risultato finale deve essere un impasto omogeneo, molliccio ma non eccessivamente liquido in quanto deve avere una certa elasticità…la foto spiega meglio di me!

pettole (ricetta pugliese) a pancia piena blog

Coprire la coppa e metterla in forno spento con la luce accesa,(in questo modo si crea la giusta temperatura di lievitazione), per circa due ore (fino a quasi il raddoppio).

Trascorso il tempo indicato il mio impasto era cresciuto molto ed ho cambiato recipiente, ecco come si presentava…

pettole (ricetta pugliese) a pancia piena blog

Avendo ancora tempo a disposizione ho messo l’impasto a lievitare per una seconda volta (doppia lievitazione) per un’ora circa, ecco l’impasto dopo la seconda lievitazione….

pettole (ricetta pugliese) a pancia piena blog

Le “bolle” che si vedono in superficie sono sinonimo di una perfetta lievitazione, a questo punto si può passare alla frittura…

Prendere una pentola dai bordi alti e metterci l’olio di semi di arachidi, fare raggiungere la giusta temperatura e con l’aiuto di un cucchiaio prendere un pò di impasto e friggere le nostre “pettoline”.

pettole (ricetta pugliese) a pancia piena blog

In questo caso l’unica difficoltà che ho trovato è che una volta cotte d un lato è difficile girarle, armatevi di pazienza e tenetele con il cucchiaio dal lato desiderato.

Un consiglio prezioso è quello di tenere costantemente sotto controllo la temperatura dell’olio, non deve mai essere troppo bollente (rischiate di bruciare le pettole), nè poco caldo (le pettole assorbono molto olio e perdono in croccantezza).

Man mano che vengono fritte mettere le pettole su della carta assorbente.

pettole (ricetta pugliese) a pancia piena blog

La caratteristica di queste frittelle è che sono croccanti fuori e morbide dentro, una volta fredde (ma non troppo però..) potete gustarle al naturale o cosparse con dello zucchero, deliziose in entrambi i casi!!!

Precedente Rotolo con crema al mandarino (ricetta golosa) Successivo Muffins al cioccolato (ricetta semplice)

9 commenti su “Pettole (ricetta pugliese di natale)

  1. franca il said:

    Ciao è da poco che ho scoperto il tuo sito complimenti sono piatti facili da rifare.Ho una domanda da farti sulle pettole che tipo di farina si usa?Grazie e a presto

    • apanciapiena il said:

      Ciao Franca, io uso la farina 00, è la più indicata per questo tipo di preparazione!
      Ti aspetto ancora nel mio blog… 🙂

  2. Mari il said:

    Ciaooo!! Carinissimo il tuo blog. Domani voglio fare le tue pettole ma volevo chiederti: ma nelle tue ricette i liquidi li pesi in gr? Cioè con la bilancia metto 400 gr di acqua o posso misurare con il misurino 400 ml? Ciao e complimenti ancora! 🙂

    • apanciapiena il said:

      Ciao Mari, nelle mie ricette i liquidi vengono pesati con la bilancia, io lo faccio per una questione di praticità, misurarli in litri mi creerebbe confusione (non sono molto brava nelle trasformazioni…).
      sono felice che il mio blog ti piaccia, torna presto a trovarmi!!! 😀

  3. Alfreda il said:

    Se si vogliono ancora più buone, basta dividere l’impasto in più parti aggiungendo in una parte una manciata di pelati sbriciolata, oppure piccoli trancetti di acciughe con qualche cappero o cuoricini di cavolfiore lessato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.