Quiche au jambon (ricetta tradizionale e bimby)

Print Friendly, PDF & Email

quiche au jambon di sonia a pancia piena

Bentrovati amici, oggi prepariamo le quiche au jambon, delicate tortine salate con base in pasta frolla e copertura in pasta choux, una bontà ripiena con prosciutto e mozzarella presa da Status mamma il ricchissimo blog della mia amica Sonia Lunghetti, cosa dire di lei se non che è una fantastica cuoca ed un’eccellente fotografa, entrare nel suo blog è come entrare nella sua cucina, foto così reali che viene voglia di allungare la mano per prendere un trancio di torta o una forchettata di tagliolini ancora caldi…Inutile dire che le ricette sono tutte a colpo sicuro, la semplicità si fonde con la raffinatezza, prova ne sono queste buonissime quiche au jambon, me ne sono innamorata a prima vista, una bontà che ha riscosso l’apprezzamento di tutti, vi va di provare?

Ingredienti per sei quiche au jambon:

  • Una confezione di pasta sfoglia

Per la pasta choux…

  • 125 g. di acqua
  • 50 g. di burro
  • 1 pizzico di sale fino
  • 125 g. di farina
  • 2 uova intere
  • 50 g. di formaggio tipo grana

Per il ripieno:

  • 3 fette di prosciutto cotto
  • 1 mozzarella ben sgocciolata

Procedimento per la pasta choux:

Versare l’acqua in una casseruola, aggiungervi il burro e un pizzico di sale, portare a bollore, controllando che il burro sia ben sciolto e togliere dal fuoco.

A questo punto versare la farina tutta d’un colpo e mescolare velocemente in maniera tale da eliminare tutti i grumi.

Rimettere sul fuoco continuando a mescolare per due minuti circa fino a quando non si sarà formata una “palla” completamente staccata dalle pareti.

Lasciare raffreddare l’impasto a temperatura ambiente.

Quando l’impasto sarà ben freddo inserire le uova una alla volta e lavorare con una frusta elettrica (a mano è molto faticoso perché all’inizio l’impasto è duro), questo passaggio è fondamentale, l’uovo deve essere completamente assorbito prima di inserire l’altro.

A questo punto mettere la pasta choux in una sac a poche (oggi parliamo francese…) con il becco a stella.

Assemblaggio della quiche…

Prendere uno stampo per muffin, possibilmente in silicone, e inumidirlo con un pò d’acqua (se avete lo stampo tradizionale ungetelo con dell’olio).

Tagliare dei dischetti un pò più grandi rispetto alla base dei singoli stampini e rivestirli.

Farcire con il prosciutto e la mozzarella sminuzzati.

12301779_10208012256293443_8916038275080111359_n

Chiudere le quiche au jambon con la pasta choux avendo la cura di non lasciare spazi.

12289751_10208012256533449_6949428073032321424_n

Infornare in forno preriscaldato ad una temperatura di 180°/200° (dipende tutto dalla potenza del vostro forno), funzione ventilato, per 20 minuti circa.

Una volta pronte, sformare le quiche au jambon e servirle ancora calde.

 

Pasta choux versione bimby:

Versare nel boccale l’acqua, il burro e il sale: 10 min.,100°, vel. 2.

Aggiungere la farina e lavorare l’impasto: 30 sec., vel. 4.

Lasciare terminare la cottura ad apparecchio spento per 10 minuti; durante il tempo indicato mescolare l’impasto a vel. 4 per pochi secondi almeno 4 o 5 volte.

Togliere l’impasto dal boccale, metterlo in un recipiente e farlo raffreddare a temperatura ambiente.

Questa fase è molto importante, l’impasto deve raffreddarsi completamente altrimenti c’è il rischio che le uova cuociono nell’impasto compromettendo così la buona riuscita delle quiche….

Rimettere l’impasto nel boccale e unire le uova una alla volta con lame in movimento a vel. 4 avendo cura di inserire il secondo uovo solo quando il primo è completamente assorbito.

Lavorare ancora l’impasto: 40 sec., vel. 5.

Mettere la pasta choux in una sac a poche con la bocchetta a stella e procedere come indicato sopra.

 

quiche au jambon di sonia a pancia piena

 

Precedente Pasta frolla al cioccolato (ricetta tradizionale e bimby) Successivo Cartellate pugliesi (ricetta tradizionale e bimby)

Un commento su “Quiche au jambon (ricetta tradizionale e bimby)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.