Crea sito
Subscribe to L'ingrediente segreto Subscribe to L'ingrediente segreto's comments

Girovagando tra i blog ho trovato questi biscotti ultra golosi e siccome

sono una fanatica del cioccolato, li ho fatti .

la ricetta l’ho presa nel blog di croce-delizia , ma ci sono tanti altri blog che

l’hanno pubblicata. di seguito la ricetta :

Burro, 60 g
Cioccolato fondente spezzettato, 225 g
Zucchero, 100 g
Uova, 2 (grandi)
Estratto naturale di vaniglia, 2 cucchiaini
Farina 00, 225 g
Sale, un pizzico
Lievito per dolci, 1 cucchiaino raso

Per la copertura: zucchero a velo e zucchero semolato

Procedimento
Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato insieme al burro.A parte,setacciate la farina con il lievito e il sale.
Sbattere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e chiaro, a questo punto unire la vaniglia e il cioccolato fuso ed infine anche la farina setacciata, ma ricordate di mescolare velocemente e solo il tempo necessario affinché il tutto venga assorbito, non oltre.
Coprite l’impasto con pellicola per alimenti e metterlo in frigorifero per almeno 3 ore, meglio tutta la notte.

(io dopo 3 ore ho preparato le palline e le ho rimesse in frigo per tutta la notte )

Portare il forno alla temperatura di 170° C.
Versare lo zucchero a velo e quello semolato in due ciotoline.
Riprendere l’impasto e formare delle palline di circa 3 cm di diametro. Passarele prima nello zucchero semolato, pressando leggermente per fare aderire bene, e poi nello zucchero a velo ricoprendole con uno strato abbondante prima di disporle su una teglia rivestita con carta forno.
Infornare per circa 8-9 minuti, non superare il tempo indicato poiché i bordi dovranno essere fermi ma il cuore ancora morbido.


Mi aveva incuriosito troppo questa ricetta e siccome le ricette di Ornell@ sono straprovate e strabuone , oggi pomeriggio l’ho fatta . Sono a dieta stretta , si lo so , ne mengero’ solo una fettina , magari due , poi la regalerò ad amici e/o parenti.

ed ecco la ricetta :

Un rotolo diverso, che si può farcire in mille modi diversi, la ricetta è della mitica Pinella.

Per la frolla:
500 gr. di farina 00
16 gr. di lievito per dolci o cremor tartaro
250 gr. di burro ……………….
250 gr. di zucchero semolato…….
1 uovo intero + 2 rossi d’uovo
scorza di limone grattuggiata

Per la farcitura:
Marmellata di pere
due manciate di gocce di cioccolato
Procedere alla realizzazione della frolla farla riposare mezz’ora in frigo.
(Il lievito in genere non previsto nelle crostate, compare per consentire alla crostata di crescere).
A fine riposo, stenderla fra due fogli di carta forno.
Farcire con la marmellata e le gocce di cioccolato, quindi arrotolare lentamente, mettere in frigo 20 minuti per poter tagliare le fette senza difficoltà.
In una teglia di circa 24 cm di diametro, allineare a raggera le fette di rotolo di crostata farcite, mettere al centro un tagliabiscotti se non si ha la teglia predisposta che lascia il foro centrale a fine cottura.
Infornare a 180° per circa 30-40 minuti (il tempo è relativo al vs forno ed ai gradi il mio è tarato 175° quindi devo lasciare sempre dei minuti in più) finchè non è dorata e la prova stecchino vi convince.
Servire spolverata di zucchero.
N.B. ovviamente è possibile farcire con qualunque marmellata, con granella di frutta secca, cioccolato a scaglie, uvetta sultanina, nutella, crema e molto altro.


dolce meraviglioso ! semplice e molto molto facile se avanzano un po’ di albumi , ecco la ricetta :

href=”http://ricette.giallozafferano.it/Angel-cake.html”


Quest’anno pensavamo di non fare l’olio , la siccita’ e la mosca di questa estate avevano fatto abbastanza danni in tutto il territorio , ed invece non solo ne abbiamo fatto , ma ha reso anche tanto : il 18 % non l’avevamo mai fatto!!!!!!
Le olive sembravano grinzose e piccole e mai avrei pensato che fossero cosi’ piene d’olio.
Il frantoio con nostro grande dispiacere ha dismesso la macina in pietra sostituendola con quella meccanica perche’ non la voleva nessuno !!!!! Vi rendete conto???? si preferisce la fredda vasca metallica alla bella macina che gira e schiaccia le olive!!! Be’ il motivo ad essere sinceri c’e’ : le olive si ossidano con la macina e l’olio di certo non ci guadagna, pero’ era piu’ dolce e delicato!!! Insomma vi presento il mio olio

p.s. si e’ verde !!!! non e’ un effetto ottico e’ proprio di un bel verde intenso !!


Anche quest’anno sono nate le tartarughe!!!!!
Non si sa’ ancora se maschi o femmine ma sono tante e a giudicare dalle uova trovate altrettante ne devono ancora nascere
(quante ne vedete??).
sono talmente piccole che le abbiamo messe in un vaso per non perderle e talmente morbide che il gatto le potrebbe far fuori in un solo boccone .
Le abbiamo dovute separare anche dalle tartarughe adulte perche le attaccavano e tentavano di morderle , chissa’ perche’ ? non era mai successo, magari avevano bisogno di carne e non trovandone in giardino si sono buttate su le piccole nate, si perche le tartarughe mangiano di tutto ….. anche la carne .



questa e’ l’ultima nata (oggi) ed ha ancora il dentino per rompere il guscio!!!

Ora pero’ il mio giardino e’ super affollato di tartarughe , non e’ che qualcuno ne vuole adottare una??


Eh si, quest’anno niente ferie , nel senso che non siamo andati da nessuna parte o meglio non siamo andati tutti insieme .
Si perche Rachele ha fatto le sue prime vacanze con le amiche in campeggio all’isola d’Elba e Sofia e’ andata in Abruzzo dal ragazzo.
Mi manca il non aver fatto un bel viaggetto , ma non si puo’ aver tutto e quest’anno abbiamo deciso di investire le nostre Energie qui

finalmente siamo riusciti a finirlo almeno internamente , fuori e’ ancora tutto un casino , ma piano piano sara’ bello anche fuori.
Eccovi una panoramica delle mie “ferie”



si e’ vero e’ un po’ piccolina , e’ una stanza sola ma in Comune sono molto severi e non ci hanno fatto ingrandire neanche di 1 metro , guardate come era ….

mi aiutate a trovargli un nome da scrivere fuori ???? aspetto le vostre idee

p.s. ho il mare vicino e sono andata al mare tutti i giorni da maggio!!!


Grande produzione di fagiolini ( e zucchine) nell’orto di mio fratello!!!!!!
Dopo averle fatte fritte ed in padella , rifaccio il mio “famoso” sformato .
E’ una ricetta del mitico cuoco Artusi che ho gia’ postato in precedenza , ma che questa volta anziche usare lo stampo da budino ho usato una tortiera , quella in silicone della Happyflex E mi e’ venuta una torta salata favolosa


Per comodita’ posto nuovamente la ricetta :

SFORMATO DI FAGIUOLINI di Pellegrino Artusi

Prendete grammi 500 di fagiolini ben teneri e levate loro le punte e il filo se l’hanno.
Gettateli nell’acqua bollente con un pizzico di sale ed appena avranno ripreso il bollore levateli asciutti e buttateli nell’acqua fresca.
Se avete sugo di carne tirateli a sapore con questo (e col burro, se no fate un soffritto con un quarto di cipolla, alcune foglie di prezzemolo, un pezzo di sedano e olio, e quando la cipolla avrà preso colore, buttate giù i fagiolini condendoli con sale e pepe e tirandoli a cottura con un po’ d’acqua, se occorre ).
Preparate una besciamella con grammi 30 di burro, una cucchiaiata scarsa di farina e due decilitri di latte. Con questa, con un pugno di parmigiano grattato e con quattro uova frullate, legate i detti fagiolini, già diacciati, mescolate e versate il composto in uno stampo liscio, imburrato prima e il cui fondo sia coperto di un foglio.
Cuocetelo al fuoco o a bagno-maria e servitelo caldo.
p.s. io l’ho cotto in forno!!!!!

http://www.homolaicus.com/scienza/erbario/utility/ricette_artusi/hypertext/0014.htm#000400


Per festeggiare l’inizio dell’estate ho voluto regalare alla mia mammina un giorno al mare , non che dove abitiamo noi non ci sia, e’ gia’ un mese che facciamo il mare tutti i pomeriggi. Volevo regalarle un tuffo nell’acqua pulita , uno spaghetto ai frutti di mare in pineta , una giornata in completo relax……..




non commento le foto , parlano da sole !!!
ah, per chi volesse saperlo ero a Torre Mozza – Follonica


Ciao!

il Sale: Troppo fa Male, Poco Deprime .
Una famosa canzoncina diceva :basta un poco di zucchero e la pillola va giu’.
Ma non diceva che per essere sempre allegri, è meglio un pizzico di sale.
Ve la immaginate infatti una cucina senza sale ? si mette un pizzico di sale anche nei dolci.
Da uno studio effettuato sembra, infatti, che questo condimento agisca come un antidepressivo naturale.
Cosa che può spiegare come mai ne facciamo largo uso, nonostante i ben noti rischi per la salute associati a una cucina troppo salata.
Se troppo sale può portare a pressione alta e aumentare il pericolo di cardiopatie, non consumarne a sufficienza potrebbe scatenare depressione e malinconia.

(dati presi da http://www.ilverobenessere.com/ )

Buon divertimento :)


Ingredienti :

Cozze

1 spicchio di aglio piccolo

prezzemolo

pane , latte

1 cucchiaio di parmigiano

sale q.b.

Procedimento

Innanzitutto raschiare e pulire le cozze.

Metterle in una padella con coperchio e lasciare che si aprano.

Tritare in maniera grossolana l’interno aggiungendo un piccolo spicchio di aglio , prezzemolo , sale,

pane ammollato nel latte , e parmigiano, mescolare il tutto e riempire di nuovo i gusci.

Legare le cozze con lo spago da cucito , e finire di cuocerle in una padella con pomodoro , olio evo , sale e aglio a piacere.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Powered by AlterVista