Salsa di menta, dal gusto spiccatamente balsamico, indicata per accompagnare i dolci.

La salsa di menta è particolarmente indicata per accompagnare mousse e torte al cioccolato, gelati e semifreddi al cioccolato e insalate di frutti di bosco.

La salsa alla menta così preparata è controindicata in caso di iperglicemia, cellulite, colesterolo elevato, ipertensione, disturbi gastrointestinali e malattie epatiche.

Usate preferibilmente zucche­ro di canna integrale o semi-integrale.

salsa di menta

La Ricetta.

Salsa fresca dal gusto spiccatamente balsamico che contraddistingue questa pianta aromatica molto usata soprattutto per la preparazione di dolci.

Ingredienti.

ingredients-green-metallic24x24per 6 persone

1/4 di litro di latte
50 g di foglioline di menta fresche
70 g di zucchero
3 tuorli d’uovo
1 cucchiaio di sciroppo alla menta

Preparazione.

preparacion-green-metallic-24x2415′

  • Lavate le foglie di menta.
  • Asciugatele delicatamente con un canovac­cio.
  • Mettetele in un tegamino con il latte.
Leggi anche:  Ricette per Antipasti di Pasqua Facili e Veloci: Torta Salata di Pasqua con Galbanino y Salame.


Cottura.

preparacion-green-metallic-24x2415′

  • Portate dolcemente ad ebol­lizione e fate bollire per qualche minuto;
    togliete il tegamino dal fuoco e fate raffreddare completamente.
  • Versate il composto nel bicchiere del frullatore, frullatelo qualche
    secondo, quindi travasate nel tegame di cottura, unitevi lo sciroppo di menta e
    portate nuovamente ad ebollizione.
  • In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un
    composto chiaro e spumoso, unitevi il frullato di menta caldo e amalgamate.
  • Versate in un tegame e ponete di nuovo sul fuoco, portate quasi ad
    ebollizione, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno, fin­ché la
    salsa veli il cucchiaio stesso.

Condividi il Tweet

Vino consigliato.

vino-bianco-di-ostuni

  Bianco di Ostuni (Puglia).

L’Ostuni Doc è un vino da pasto prodotto nelle tipologie Bianco e Ottavianello .

E’ un vino tipico della regione Puglia, prodotto in provincia di Brindisi. I vitigni da cui si produce l’Ostuni Doc Bianco sono: Impigno per una percentuale che va dal 50 all’85%; Francavilla, per il 15-50%, Verdeca e Bianco d’Alessano per un massimo del 10%. L’Ostuni Doc Rosato, detto anche Ottavianello, si produce con uve Ottavianello per almeno l’85% e Negramaro, Malvasia nera, Sussumaniello, Notar Domenico per un massimo del 15%

Precedente Baci di Dama salati ottimi stuzzichini liguri, golosi, perfetti per un buffet-aperitivo. Successivo Come preparare il salmoriglio antica salsetta siciliana per accompagnare grigliate.