Pane alle olive con il licoli di Montersino


È la prima volta che provo a fare qualcosa con il licoli di Montersino e sono troppo felice!

Ad un corso col maestro ci venne regalato un po’ del suo lievito . . . Inutile dire che lo custodisco come una reliquia 😂

Sempre lui ci ha spiegato l’importanza delle lievitazioni miste, di quanto sia sbagliato considerare sfigato chi usa il lievito di birra e di quanto i due lieviti insieme diano risultati stupefacenti! Ho provato a sperimentare questa cosa su pane e pizza . . .e devo dire che sono molto soddisfatta dei prodotti ottenuti! Ve li mostro . . .

 


20170305_093623

 

Questa è la versione senza olive.

IMG_20170305_093722

 

Per la pizza rimando al post successivo

20170304_225040

Vediamo come prepararli!

Pane alle olive e spezie

* 500 gFarina 0

*500 g farina per pane

*600 ml acqua

* 200 g Licoli già rinfrescato

* 1 g lievito di birra

*35 g sale

* olive nere tostate e spezie a piacere

 

PROCEDIMENTO :

Riporto i miei tempi per dare uno schema ma regolatevi in base alle temperature e controllate l’impasto.

Venerdi ore 17:30 Rinfresco Licoli. Ore 20:00 inizio impasto.

Mettiamo nella ciotola della planetaria l’acqua con la farina (tenetene da parte solo un cucchiaio) e impastiamo giusto un minuto con la foglia. Lasciamo in autolisi per un’ora.   Trascorsa l’ora l’impasto sarà bello idratato e più omogeneo. Aggiungiamo il cucchiaio di farina mancante, i due lieviti e impastiamo stavolta col gancio per incordare bene l’impasto. Quando avrà una bella corda aggiungiamo il sale un po’ alla volta e continuiamo ad impastare. Incordato il nostro impasto diamo una breve impastatina a mano su un piano da lavoro e pirliamo. Lasciamo puntare coperto da un panno per mezz’ora. Dovrà solo riposare. Trascorsa la mezz’ora diamo un giro di pieghe,ancora mezz’ora di riposo, altro giro, altra mezz’ora, ultimo giro e mettiamo l’impasto in frigo coperto da pellicola. Utilizzate una ciotola che sia bella grande perché dovrà poi lievitare lì dentro. Sabato pomeriggio ore 14:00 tiriamo via l’impasto dal frigo e lo lasciamo a t ambiente. Alle 19:00 lo riprendiamo, diamo un’altra piega per inserire le olive e le spezie e formiamo le panelle o le forme desiderate. Lasciamo lievitare a 30 gradi fino al raddoppio. Prima di infornare pratichiamo con un una lama affilata dei tagli sulla superficie e spruzziamo con acqua . . O spennelliamo con un pennello e inforniamo nel forno caldo al massimo (250  gradi). Se avete una pietra refrattaria la cottura sarà migliore.     250 g per 6-7 mimuti, poi 220 per 20 minuti e poi 180 fino a cottura. . Più o meno altri 20 Min, dipenderà dallan grandezza delle panelle. Le mie erano circa di 500 g. Lasciamo freddare su una gratella et voilà!  Bon appetit! 😉

 

Precedente Torta di cachi e cacao senza uova e burro Successivo Pizza a lievitazione mista. Esperimento 2.0