mezze maniche alle verdure e tacchino

In questa ricetta delle Mezze maniche alle verdure e tacchino con metodo di precottura, utilizzare ingredienti semplici e facilmente reperibili per realizzare un piatto allettante che desti l’appetito è il risultato di accuratezza e tecnica, due fattori indispensabili capaci di sprigionare tutti gli aromi che caratterizzano i prodotti freschi di stagione e i loro abbinamenti.

mezze maniche verdure tacchino
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    4
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Tacchino con tecnica di precottura

  • Petto di tacchino (a fette alte) 250 g
  • Acqua (l’acqua deve essere fredda, servirà per sbollentare la carne di tacchino) 1250 ml
  • Alloro 1 foglia
  • Pepe in grani qualche

Verdure saltate

  • peperoni (peperone giallo e rosso) 350 g
  • Zucchine (1 zucchina di media grandezza) 250 g
  • Pomodorini datterini 10
  • Rosmarino 1 rametto
  • Timo 1 rametto
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Sale q.b.

La pasta

  • Mezze Maniche Rigate 320 g
  • Acqua (l’acqua deve essere già calda) 2 l
  • Sale grosso 2 cucchiaini
  • Pepe in grani (da macinare al momento) q.b.

Preparazione

Sbollentare la carne

  1. Per iniziare, procedete a sbollentare la carne di tacchino. Versate l’acqua fredda in una pentola abbastanza capiente da contenere l’alimento. Metteteci le fette di tacchino pulite e prive di filamenti grassi. Unite la foglia di alloro, che garantisce un aroma raffinato, e il pepe in grano.

    Mettete sul fuoco e portate l’acqua ad ebollizione, senza coperchio. Fate bollire a fuoco basso fino a quando la carne si intenerisce. Sgrassate con un mestolo all’occorrenza.

    A questo punto, scolate il tacchino con un mestolo forato, eliminando la foglia d’alloro e il pepe in grani. Fate raffreddare la carne immediatamente sotto l’acqua fredda, sotto i 20°C. Altrimenti mantenetela al caldo, sopra i 50°C. Riservate tenendo da parte.

Pulire le verdure

  1. Mentre si procede a sbollentare la carne, preparate gli ortaggi per la cottura.

    Mondate i peperoni eliminandone la calotta superiore. Divideteli a metà nel senso della lunghezza. Lavate i peperoni sotto l’acqua corrente fredda del rubinetto per eliminare i semi, asciugateli e disponeteli sul tagliere pulito. Eliminate i filamenti bianchi al loro interno con un coltello molto affilato. Tagliate i peperoni nel senso della lunghezza in strisce di 2 cm e poi dividetele in pezzi più piccoli. Mettete le strisce di peperoni in una ciotola.

  1. Lavate la zucchina, asciugatela e disponetela sul tagliere. Mondatela eliminandone le due estremità. Dividete la zucchina a metà. Ricavate delle fette sottili, prima nel senso della lunghezza, poi tagliate le fette orizzontalmente per ottenere fettine molto più piccole. Mettete la zucchina in una ciotola separata.

  2. Lavate i pomodorini sotto l’acqua fredda e staccate i peduncoli. Asciugate i pomodorini e poggiateli sul tagliere pulito. Divideteli a metà con un coltellino seghettato al momento di unirli alle verdure in fase di cottura.

  3. Lavate e asciugate le erbe aromatiche. Se desiderate lasciare le erbe aromatiche nel piatto, allora staccate le foglioline e sminuzzatele bene sul tagliere a forma di battuto con un coltello molto affilato. Altrimenti, lasciate i rametti interi durante la cottura in modo da prelevarle ulteriormente.

Cottura delle verdure

  1. Dopo l’accurata pulizia, continuate con la cottura al salto degli ortaggi.

    Fate scaldare un saltiere o una grossa padella antiaderente. Versateci l’olio extravergine di oliva. Unite i peperoni, mescolate e fate insaporire al salto a fuoco vivace per circa 5 minuti.

    Aggiungete le zucchine, aggiustate di sale e insaporite per altri 5 minuti circa. Unite i pomodorini datterini tagliati a metà e le erbe aromatiche. Fate saltare per breve tempo per insaporire. Le verdure devono risultare al dente.

Riprendere la carne

  1. Riprendete la carne tenuta da parte, adagiatela sul tagliere pulito e tagliatela a strisce non troppo sottili con l’aiuto di un coltello molto affilato.

    Mettete il tacchino in padella insieme alle verdure e saltate per breve tempo. Spegnete e togliete dal fuoco.

Cottura della pasta

  1. Nel frattempo, contemporaneamente alla preparazione delle verdure, portate a bollore l’acqua in cui lessare la pasta. Salate e buttateci le mezze maniche rigate.

    Fate cuocere la pasta al dente per il tempo di cottura indicativo riportato sulla confezione. Scolate la pasta e raffreddatela sotto l’acqua fredda per fermare la cottura.

Servire a tavola

  1. mezze maniche verdure tacchino

    Mettete la pasta in una grossa insalatiera o in un recipiente adatto. Unite l’insieme di verdure e carne saltate e aromatizzate. Mescolate delicatamente gli ingredienti con le apposite posate.

    Servite le mezze maniche alle verdure e tacchino nei piatti individuali, cospargete con un filo di olio extravergine di oliva a crudo e una spolverata di pepe macinato al momento. Decorate con qualche fogliolina di timo o rosmarino.

Note

La precottura della carne separatamente alla cottura delle verdure permette di conservare il gusto e il sapore di ogni ingrediente utilizzato.

Per il taglio delle verdure, fissate bene il tagliere mettendoci un panno umido sotto per evitare che questo possa scivolare durante l’utilizzo. Non adoperate lo stesso tagliere per tagliare la carne e viceversa, altrimenti rischiate la contaminazione crociata degli alimenti.

E’ possibile sbollentare la verdura in acqua bollente salata prima di cuocerla al salto con proporzione verdure – acqua = 1:5 Ad esempio, per sbianchire 350 g di peperoni si utilizzano 1750 ml di acqua bollente. In questo caso, bisognerà ridurre la quantità di sale utilizzata durante l’ulteriore cottura al salto.

Durante la cottura al salto gli ortaggi perdono la loro acqua e si dorano, questo permette un’esaltazione del loro sapore all’esterno mentre si mantengono tenerissimi all’interno.

I pomodorini si aggiungono a fine cottura per conservarne la compattezza. In questo caso, vanno soltanto scaldati in padella.

Il rosmarino ha uno dei profumi più aggressivi tra le erbe aromatiche, usatelo con parsimonia: aggiungetelo a fine cottura, un’esposizione prolungata agirà negativamente sul sapore degli ingredienti che avrebbe dovuto valorizzare. Fate altrettanto con il timo, il suo forte aroma insaporirà gradevolmente gli ingredienti in cottura.

Seguite Fusione su Facebook

Senza categoria

Lascia un commento

*