Simil cheesecake veg nel barattolo

La cheesecake è un dolce che non milita molto nella mia cucina. Per il fatto che sono intollerante al lattosio, primo motivo e perché non è uno dei miei dolci preferiti, secondo motivo. Beh questo non vuol dire che non si possa preparare una volta ogni tanto. Ed è perfetta per una cena tra amici. Ecco la mia versione: simil cheesecake veg nel barattolo. Facile, golosa, buonissima.

A proposito di cheesecake..

SIMIL CHEESECAKE VEG NEL BARATTOLO

Ingredienti per 2-3 barattoli da 250 g circa:

  • 300 g di formaggio spalmabile vegetale
  • 6-8 biscotti vegan e gluten free al cioccolato o integrali
  • 1 cucchiaino di sciroppo d’agave
  • 30 ml di sciroppo d’acero o malto di riso
  • 10 nocciole
  • 50 g di bacche di Goji
  • 30 g di semi di zucca
  • 1 bacca di vaniglia

Procedimento:

  1. Macinate i biscotti nel mixer con 3 goce di succo d’agave e disponete l’ impasto ottenuto sul fondo di ciascun barattolo, cercando di livellare con il dorso di un cucchiaino.
  2. Nella planetaria o con un frullino elettrico miscelate il formaggio spalmabile con i semi della vaniglia e lo sciroppo d’acero o il malto di riso.
  3. Versate la crema al formaggio nei barattoli fino a riempirli poco più della metà. Compattate con qualche colpetto sul fondo del barattolo e appiattite la superficie della crema con la punta del cucchiaino.
  4. Lasciate riposare la simil cheesecake veg nel barattolo in frigorifero, con il coperchio per circa 2 ore.
  5. In una ciotola miscelate bacche di goji, nocciole ridotte a granella e semi di zucca spezzettati. Versate il mix di frutta sulla cheesecake dopo averla fatta riposare in frigorifero.
  6. In alternativa alla frutta secca, potete usare anche della marmellata fluidificata con poca acqua, frutti di bosco decongelati o qualsiasi frutto di stagione.

BACCHE DI GOJI: ELISIR DI LUNGA VITA

Conosciute anche come le “ bacche di lunga vita”, le bacche di goji sono buone sia fresche che essiccate. La straordinaria concentrazione di nutrienti e preziosi principi nutritivi attivi, che in questa quantità non si riscontra in nessun altro genere alimentare al mondo, infonde in chi le consuma, una sensazione di benessere sin dai primi utilizzi.

Mara Toscani

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*